Vandali imbrattano il memoriale delle foibe: sulla targa disegnata falce e martello

monumento foibe imbrattato vandaliIn provincia di Venezia nuovo oltraggio alla memoria di quanti persero la vita nelle foibe, vittime dei partigiani guidati da Tito: la targa a loro memoria è stata imbrattata da vandali, i quali con la vernice vi hanno disegnato sopra falce e martello. I dettagli li ha riportati Claudio Cartaldo su Il Giornale.

di Claudio Cartaldo

l giorno del ricordo delle vittime delle foibe si avvicina e la storia si ripete. Non quella delle uccisioni sommarie, ma quella degli oltraggi ai monumenti che danno il giusto risalto ad una pagina buia del secolo scorso.

Il monumento ai martiri delle foibe di Marghera è stato imbrattato: sono comparse scritte in vernice rossa e un simbolo con falce e martello.

Nemmeno l’orrore degli omicidi sommari ha fermato gli ideologici vandali. Il presidente della Municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin, ha denunciato la viltà di tale atto: “Il solito gesto infame – ha detto – che rende più attuale il Giorno del Ricordo”. “Come quasi ogni anno, come infami nel buio, anche quest’anno – sottolinea Bettin al Gazzettino -, un po’ in anticipo sui tempi, gli imbrattatori della stele ai Martiri delle foibe, nella piazza omonima di Marghera, si sono fatti ripresentati la scorsa notte e hanno provveduto a insozzare il monumento in vista della Giornata del Ricordo della tragedia delle foibe e dell’esilio degli italiani dall’Istria e dalla Dalmazia”. “Ovviamente, ripuliremo subito – ha promesso – E ovviamente, nessuno si farà intimidire o impressionare da questo gesto vigliacco; anzi, esso conferma l’attualità dell’iniziativa che ogni anno si ripete in tutta Italia e che nella nostra città ha, da sempre, un particolare significato”.

“Gli imbrattatori non lo sanno – conclude – ma la loro sortita ormai stucchevole anche se non meno odiosa, è una specie di omaggio rituale che gli sconfitti con disonore, quali essi sono, rendono a chi, dalla Storia, ha infine avuto ragione”.

Sulla vicenda è intervenuto anche l’assessore comunale alla Coesione sociale, Simone Venturini: “Ancora una volta – ha dichiarato Venturini – qualche vigliacco ha deciso di insultare la memoria, il dolore delle persone e la storia. La tragedia delle foibe e dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati, per troppo tempo colpevolmente dimenticata, è ormai una verità storica. Non saranno simboli del passato carichi di violenza, a cancellare il ricordo degli esuli e dei martiri dell’Istria e della Dalmazia. La storia va avanti e con essa il ricordo e il rispetto di chi ha patito sofferenza e morte”.

“La vernice si cancella, la storia no”, ha concluso Venturini. Non c’è molto altro da aggiungere.

Redazione

Redazione1909 Posts

Qelsi.it è un quotidiano on line di opinione che analizza retroscena della politica, del variegato mondo dei partiti italiani, della cronaca giudiziaria. È un quotidiano indipendente, tra i pochi in rete a porre sistematicamente in risalto, spesso con ironia, le contraddizioni della sinistra italiana in tutte le sue forme. Fornisce una chiave di lettura dei principali avvenimenti nazionali, con uno sguardo anche al resto del mondo. Un’offerta in netto contrasto alla viralità, alla disinformazione e alle notizie infondate divulgate attraverso la rete, smascherate nei limiti del possibile anche da noi. Qelsi guarda a destra, si colloca in area moderata di centro-destra, ma non è organo di alcuna forza politica. Il quotidiano è nato a luglio 2013, la fan page su Facebook che ne è diretta espressione è "Magazine Qelsi".

Commenta con il tuo account social

1 Comment

  • riudecols Reply

    27 gennaio 2016 at 10:37 am

    I comunisti sono come i talebani o quelli dell’Isis, non c’e’ da meravigliarsi!!!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it