La politica europea delle porte aperte cambia

Vi ricordate l’Europa che criticava la Bulgaria per aver fatto pattugliare la frontiera dall’esercito? Quella che ostracizzava Orbán per la costruzione del muro? E la Merkel che si commuoveva per la foto del piccolo Aylan e decideva di fare entrare 1 milione di immigrati in un colpo solo? Probabilmente bisognerà dimenticarsela perché le cose stanno rapidamente cambiando.

Il primo campanello d’allarme c’è stato quando la Merkel si è ritrovata con lo scandalo del capodanno 2015 a Colonia. Dopo quella notte ci furono 1.054 denunce per furto e aggressioni sessuali di varia natura da parte di donne che vennero molestate da profughi che, evidentemente, pensavano di essere arrivati nel paese di Bengodi.

Poi ci sono stati, in rapida successione, la serie di attentati in Francia e Germania, la Brexit, il non certo brillante risultato della CDU alle elezioni regionali tedesche, l’avanzata delle forze politiche definite populiste, con il concreto rischio di vedere un loro leader eletto presidente in Austria, la sconfitta di Renzi al referendum a causa di un voto tutto politico, dove la questione immigrazione ha sicuramente avuto un peso, ed infine la vittoria di Trump alle elezioni USA.

Da allora la politica europea delle porte aperte è cominciata a cambiare.

Per primo c’è stato l’accordo con Turchia del marzo 2016. In pratica l’Unione Europea ha accettato di pagare 6 miliardi di euro in tre anni alla Turchia, a patto che Ankara chiudesse le frontiere e bloccasse il flusso migratorio verso la Grecia e la rotta balcanica.

Poi c’è stato lo sgombero della cosiddetta giungla di Calais, con la costruzione di un muro in territorio francese per impedire l’accesso dei clandestini al Regno Unito. Un muro che ha suscitato molte meno polemiche di quello che vuole completare Trump, cosa che esemplifica come ci siano muri di serie A e muri di serie B.

Alla fine è arrivata, buona ultima, anche l’Italia con la nuova politica lanciata dal Ministro degli Interni Minniti, che punta ad avere un CIE in ogni regione e ad arrivare a 20.000 espulsioni l’anno.

Ma la cosa più incredibile è la dichiarazione del Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, che sembra presa pari pari da un discorso di Salvini o della Meloni. Durante la conferenza stampa, tenuta a Bruxelles dopo l’incontro con il premier libico Serraj, Tusk ha affermato “La Ue ha dimostrato di essere capace di chiudere le rotte di migrazioni irregolari, come ha fatto nella rotta del mediterraneo orientale. Ora è tempo di chiudere la rotta dalla Libia all’Italia. Ho parlato a lungo col premier Gentiloni ieri e posso assicurare che possiamo riuscirci. Quello che serve è la piena determinazione a farlo.

Lo dobbiamo prima di tutto a chi soffre e rischia la vita, ma lo dobbiamo anche agli italiani e a tutti gli europei”.

Tutto questo sarà reso possibile da un accordo tra Libia da una parte e Italia dall’altra. Il Primo Ministro Gentiloni ha spiegato l’impegno italiano che punterà a “rafforzare le istituzioni libiche” per fermare “una piaga che colpisce la Libia, l’Italia, l’Europa e chi ne è vittima”. In pratica addestramento della polizia di frontiera e soldi per ammodernare la flotta libica, che sarà destinata a pattugliare le coste con il supporto di quelle italiana ed europee, sulla falsariga di quanto fatto con l’Albania negli anni ’90.

La stessa Mogherini dice di aspettarsi “un fortissimo sostegno” all’accordo, con buona pace di Papa Francesco, Mattarella, della Boldrini e di tutti quelli che dicevano che il flusso migratorio non si poteva e non si doveva fermare.

Dopo essersi rifiutata per anni di controllare il fenomeno dell’immigrazione clandestina l’Europa si è svegliata tutto d’un tratto, e non è certo casuale che questa decisione venga presa all’inizio di un anno che vedrà le elezioni in Francia, Olanda, Germania e, forse, anche in Italia.

Ovviamente le istituzioni europee non sono cattive e razziste come Trump ma lo fanno solo per salvare vite umane. Come ha affermato Tusk dopo l’incontro con Serraj “Abbiamo condiviso l’interesse e la determinazione a ridurre il numero dei migranti irregolari che rischiano la propria vita attraversando il Mediterraneo centrale”.

In realtà la differenza tra la UE e gli USA è che gli europei il lavoro sporco lo fanno fare agli altri, turchi e libici, mentre Trump se ne assume la responsabilità in prima persona.

Pietro Torri

Pietro Torri116 Posts

Mezzo lombardo e mezzo emiliano, sperando di aver preso il meglio di entrambi. Appassionato di politica e di Difesa perché, non seguendo il calcio, un hobby devo pur averlo.

Commenta con il tuo account social

0 Comments

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it