L’Academy e il “vizietto” del politically correct

Arrivano le nomination per gli Oscar 2017 e “Sully”, il capolavoro di Clint Eastwood con Tom Hanks nelle vesti del pilota-eroe, sparisce dai radar dell’Academy.

Non pervenuto. Nulla, nemmeno una menzione speciale o una telefonata di apprezzamento.

La stessa sorte è toccata a Martin Scorsese, direte voi, ma vi sfugge un piccolo particolare: il vecchio Clint rilasciò al mensile Esquire una lunga intervista, pronunciando parole irricevibili per l’universo holliwoodiano intriso di estremismo liberal:

In segreto siamo tutti stanchi della correttezza politica – dice Eastwood. – Oggi siamo nel pieno della generazione “kiss-ass”, la generazione “pussy”. Le timorose fighette: questo non si può dire, questo non si può fare, tutto è proibito. Altrimenti piovono accuse di razzismo”. E’ evidente il riferimento a Trump: “E’ uno che dice quello che gli passa in testa, e spesso non si tratta di concetti così buoni. Capisco da dove arrivano, ma non sono sempre d’accordo con lui”.

Tanto basta per sorvolare sulla magistrale interpretazione di Tom Hanks e sulla maiuscola prova dietro la cinepresa dell’ottantaseienne Clint: la “lettera scarlatta” è ormai marchiata a fuoco sulla sua pelle e quindi non merita la considerazione di gente che ha costruito carriera e credibilità sul politicamente corretto, che da quelle parti si identifica con una acritica adesione alle idee, ai tic, alle ipocrisie, alle parole d’ordine dei Democrats a stelle e strisce.

Per fortuna, come in politica contano i consensi degli elettori, al cinema contano gli incassi al botteghino, arrivati oggi alla ragguardevole somma di 182,4 milioni di dollari.

Per comprare le esche da utilizzare al lago alla prossima battuta di pesca del pensionato Eastwood crediamo possano bastare.

Alla faccia degli spacciatori di statuette.

 

Commenta con il tuo account social

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it