L’Occidente col burqa nel cuore

Una volta c’era “l’eskimo in redazione”: oggi, in alcuni giornali di sinistra, è stato sostituito da una sindrome di sottomissione che si manifesta nell’apprezzare il burqa, mostrando che la repulsione per la nostra società è così forte che fa preferire qualsiasi cosa altra da lei.

Un po’ come avveniva ai tempi della guerra fredda, quando l’alternativa al capitalismo occidentale era rappresentata dai più grossi lager a cielo aperto di cui la storia abbia memoria.

Ne è un esempio lampante un articolo apparso alcuni giorni fa sulla edizione italiana dell’Huffingtonpost intitolato: “Ho provato il burqa e mi è piaciuto”. http://m.huffpost.com/it/entry/14313888

L’autrice, Flavia Piccinini, ci racconta che ha indossato il burqa per girare senza problemi per le strade di Kuwait City, perché “per gli arabi sono le prostitute a lasciare le spalle, le braccia e le gambe scoperte. Le occidentali smemorate non sono particolarmente amate”, il che dovrebbe già dirla lunga su come ancora vengano considerate le donne in certi Parsi.

Può essere giusto adeguarsi ai costumi dei Paedi di cui si è ospite, cosa che dovrebbero ricordarsi le tante associazioni italiane legate ai Fratelli Musulmani o a Salafiti e Wahabiti, ma quello che veramente stride è l’entusiasmo dell’autrice per abiti che sono simbolo del peggior Islam, quello repressivo ed antistorico, roba che a confronto gli Amish sono dei seguaci di Steve Jobs.

Le motivazioni addotte dall’autrice per giustificare questo entusiasmo sono alcune chicche quali: “Non devi perdere tempo a coordinare le scarpe con la borsa”, a parte il fatto che borsa e scarpe sono entrambe visibili anche indossando il burqa, o “Non devi neanche perdere tempo a sistemarti i capelli o a truccarti. Non ti vede nessuno”.

Anche il paragone che viene fatto con i grembiuli delle vecchie scuole elementari è completamente sballato perché, se in quel caso il grembiule poteva servire a salvare qualche capo di abbigliamento dalla vivacità “distruttiva” dei bambini, e anche a non manifestare vistose differenze tra bambini di diverse classi sociali, il niqab viene imposto nell’età adulta, appena raggiunta la maturità sessuale.

In conclusione l’autrice si chiede “se non sia forse questa una lezione che dobbiamo prendere dal mondo arabo: annullare la necessaria ossessione per l’immagine” e aggiunge: “Forse, dove il femminismo ha fallito, il burqa nel 2017 potrebbe riuscire. O no?”.

Sembra una divertente domanda retorica, ma il “mi è piaciuto” del titolo fa sorgere qualche dubbio in proposito.

La signora dovrebbe infatti sapere che, se è tanto preoccupata del proprio “outfit”, come lo chiamano quelli che parlano bene, da arrivare a prendere in considerazione il burqa, dovrebbe prendere anche in considerazione il “pacchetto completo” che è correlato all’uso di burqa o del niqab, abito che è certo più diffuso presso i paesi del Golfo.

Paesi dove le donne non hanno o quasi diritti civili. Dove la testimonianza di una donna in tribunale vale la metà di quella dell’uomo. Dove le quote di una eredità sono divise diversamente tra maschi e femmine. Dove non si può uscire di casa, e men che meno espatriare, se non si è accompagnate da un parente maschio. Dove si può essere fustigate o arrestate per un abbigliamento sbagliato. Dove si può arrivare ad essere lapidate in caso di relazioni extraconiugali.

L’ossessione per l’apparire e l’immagine è senza ombra di dubbio una caratteristica deleteria della nostra società, ma lo è stata anche di molte altre epoche storiche, basti pensare al regno di Luigi XIV o allo sfarzo esibito dalle classi dominanti di qualsiasi epoca storica.

Quello che non è tollerabile è che, come soluzione al problema, venga preso in considerazione la riduzione ad oggetto dello donne, neanche giustificando l’idea come un paradosso.

Sarebbe come affermare che, per risolvere il problema della casa, basta farsi mettere in carcere.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi