Roger, il diciottesimo sigillo

Lo so, faremo arrabbiare i grandi conoscitori del tennis, gli innamorati della geniale intemperanza di McEnroe, i cultori della maschera proto sovietica di Ivan Lendl, i necrofili estimatori di Rod Laver, ma non possiamo non elevare agli onori dell’altare la bellezza estatica di Roger Federer, del suo tennis, del suo mondo.

Re Roger vince gli Australian Open a trentacinque anni, dopo un lungo infortunio, dopo aver saccheggiato ogni possibile “hall of fame”, dall’Atlantico agli Urali.
Vince contro Nadal, l’eterno rivale muscoli e potenza, al quinto set, dosando energie ed emozioni con il bilancino del farmacista, rovescio dopo rovescio, ace dopo ace.

Piange, Re Roger, sfinito ed emozionato.

In quel pianto c’é l’inarrivabile grandezza dei “numeri primi”, quella che colloca l’uomo e il tennista lassù nell’Empireo del tennis: antidivo, con una moglie “normale”, Mirka Vavrinec, con la quale vive da sedici lunghi anni, lontani dal gossip e dalle riviste patinate, insensibile alle sirene del successo e delle lusinghe tentatrici del denaro, tanto denaro, che gira intorno al tennis professionistico di vertice.

Questo è Roger, questo è il suo mondo, il suo tennis: e chi se ne frega se non sarà il migliore di tutti i tempi, cosa tutta da dimostrare.

A noi basta averlo visto piangere, su quel campo di Melbourne, a trentacinque anni, dopo aver tirato l’ultimo colpo a un centimetro dalla riga.

Chapeau, Roi Roger.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi