Alemanno: un autogol il voto contro Orbàn

Arrivano le prime reazioni al voto dell’Europarlamento riunito in seduta plenaria a Strasburgo sulle sanzioni da applicare all’Ungheria. Secondo il segretario del Movimento sovranista Gianni Alemanno, “Il voto di oggi del Parlamento europeo contro l premier ungherese Viktor Orban oltre ad essere un attacco al principio di autodeterminazione dei popoli, è un vero e proprio autogol per l’Unione Europea. Censurare in modo così duro un capo di governo che gode di un vastissimo consenso popolare nel suo paese e che è punto di riferimento per i paesi del Gruppo di Visegrád, significa dimostrare quanto l’Unione è lontana dalla volontà popolare e sorda al sentimento identitario e sovranista che si diffonde in tutto il continente. Chi pensa di aver colpito Orban non si rende conto di averlo reso ancora più forte e credibile rispetto al proprio popolo. Colpisce in particolare la miopia di molti esponenti del PPE che sono andati a rimorchio delle tesi radical-progressiste, non rendendosi conto che oggi il centrodestra europeo è più che mai diviso e succube dei socialisti. Da sottolineare invece il coraggio dei parlamentari di Forza Italia che si sono schierati a fianco della Lega, ricostruendo di fatto un embrione di alleanza di centrodestra contro la deriva sinistreggiante che sta prevalendo nel M5S. Oggi più che mai la democrazia e la sovranità popolare sono a destra, mentre la sinistra preferisce condannare il sentimento e il voto dei popoli.”

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi