Immigrazione: aggravante per futili motivi

Nel contesto del c.d. pesante “immigrazionismo” che vive l’Italia, lasciata da sola dagli altri stati europei ad affrontare i continui sbarchi sue nostre coste di immigrati, giova non solo tenere conto delle statistiche degli arrivi o dei numeri ed il tipo dei reati commessi dagli immigrati, ma occorre anche seguire con attenzione lo sviluppo della giurisprudenza di merito e degli orientamenti della Suprema Corte di Cassazione in relazione agli esiti di questi arrivi. La Corte di Cassazione si è pronunciata con un’ottima, attuale, necessaria per il presente e per il prossimo futuro e ben motivata sentenza sul punto dell’applicazione o meno della circostanza aggravante dei futili motivi dell’art.61 n.1 c.p. e la cultura di appartenenza degli autori del reato (cfr.Cass. Pen. Sez. I, 06.06.2018, n.25535, ud. 10.04.18).
A seguito della condanna di due giovani “latinos” condannati per tentato omicidio ai danni di un connazionale in Milano, la Cassazione si è pronunciata circa la applicabilità della citata circostanza aggravante dei futili motivi e la cultura di origine dei due ispanici.
A fronte delle doglianze contenute nei motivi di ricorso, depositati dai difensori degli imputati, la Cassazione ha precisato che : “Non giova dunque alle difese richiamare i valori della cultura latina “machista”, che, oltre a non essere illustrati nel loro contenuto, sfuggendo ad una chiara comprensione, non rappresentano una motivazione razionale ed apprezzabile del comportamento violento tenuto, quanto un pretesto per realizzare impulsi brutali e prevaricatori con esiti di elevata gravità anche in un contesto fattuale che non ne giustifica la manifestazione. Si è affermato da parte di questa Corte, e qui si ribadisce che, per verificare la sussistenza della circostanza aggravante in questione, è necessario procedere all’identificazione in concreto della natura e della valenza della ragione giustificatrice l’azione delittuosa posta in essere, senza sia possibile fare ricorso ad un comportamento medio dell’uomo comune, posto che siffatto modello di agente non è facilmente identificabile ed è influenzato nella situazione concreta da connotazioni culturali, dall’educazione ricevuta, dal contesto sociale e da fattori ambientali (Cass. sez. 1, n. 11591 del 28/10/2015, dep. 2016, Passalacqua e altri, rv. 266559; sez. 1, n. 39261 del 13/10/2010, Mele, rv. 248832; sez. 1, n. 42846 del 18/11/1010, PG in proc. Muzaka, rv. 249010; sez. 6, n. 28111 del 2/7/2012, U.M., rv. 253033), con l’ulteriore precisazione che esigenze religiose o culturali dell’agente non possono trovare riconoscimento agli specifici fini di negare la circostanza aggravante in questione quando si pongano in palese contrasto con i principi fondamentali del sistema giuridico.”.
La Corte di Cassazione ha poi ribadito il concetto di motivo futile, che: «il motivo è futile quando sia così banale, lieve e sproporzionato rispetto all’azione criminosa realizzata ed alla sua gravità da apparire del tutto inidoneo ed insufficiente a dar luogo al reato, costituendo piuttosto occasione per dare libero sfogo ad istinti aggressivi ed antisociali».
Una sentenza dunque, che riafferma la nostra cultura giuridica, questa si certamente, romana e “latina” ove si sancisce e se ne sentiva il bisogno, che la futilità dei motivi non è esclusa dall’appartenenza o dalla vicinanza dell’autore/i del reato/i a gruppi o comunità, quali, nel caso in esame, le bande giovanili sudamericane (ma per analogia di principio, si ritiene, anche ad altri gruppi od entità) che riconoscono come valori positivi la violenza e l’uso della forza quale forma di affermazione della personalità individuale e di manifestazione dell’appartenenza al gruppo, da esercitare per il solo fatto che la vittima sia o appaia militare in formazione contrapposta e ciò in considerazione che: “ dal momento che tali concezioni e modelli comportamentali offrono occasione per dare libero corso ad impulsi brutali e prevaricatori e si pongono in contrasto con i valori fondamentali riconosciuti dall’ordinamento giuridico, che tutela in primo luogo la vita, la sicurezza e la libertà personale”.

Parafrasando il contadino germanico, possiamo felicemente affermare: “esiste ancora un Giudice a Roma”.

Commenta con il tuo account social

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

Seguici

Ogni nuovo post ti verrà inviato alla tua Email

Unisciti agli altri iscritti:

Realizzato da You-Com.it