“Indifesi dallo Stato”: la denuncia delle vittime del Bataclan

Le istituzioni non ci hanno difeso abbastanza. Con questa convinzione, diciassette persone colpite direttamente o indirettamente dagli attentati parigini del 13 novembre 2015 hanno sporto denuncia per «non assistenza a persone in pericolo» durante la presa d’ostaggi al Bataclan.
«Il tempo non attenua la loro sofferenza», dice l’avvocata Samia Maktouf, citata dal Figaro.fr. Due anni e mezzo dopo la strage, queste vittime o familiari delle vittime vogliono capire perché i militari dell’operazione antiterrorismo presenti davanti alla sala concerti non siano intervenuti all’interno mentre si consumava il massacro.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi