#MeToo, l’accusa a Weinstein vacilla. “Rapporti consensuali”

Comincia a vacillare il quadro delle accuse contro Harvey Weinstein. Secondo indiscrezioni riportate dal New York Post, una delle tre donne che lo accusa in tribunale avrebbe avuto rapporti consensuali con Weinstein.
Lucia Evans, che ha accusato Weinstein di averla costretta a sesso orale con lui nel 2004, avrebbe lasciato sul suo computer un messaggio in cui indicava che il rapporto era stato consensuale.
Evans è uno dei tre casi perseguiti contro Weinstein dall’ufficio del procuratore generale di Manhattan. Il messaggio rinvenuto avrebbe spaccato lo staff che sta lavorando al caso, con alcuni che chiedono che Evans ritiri le accuse.
La campagna #MeToo è destinata a sgonfiarsi? Certamente pensare che il caso che ha sconvolto Hollywood dalle fondamenta sia tutto una montatura è difficile. Ma l’esistenza di chi cerca di approfittare della situazione sarebbe una brutta macchia per tutto il movimento femminista scaturito da questa storia. E suggerirebbe che il crimine di chi si fa scudo della violenza sulle donne per proprio tornaconto personale andrebbe condannato con forza proprio per non screditare l’intero universo femminile, così come comportamenti come quello attribuito a Weinstein danneggiano quello maschile.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi