Nasce Qelsi, il primo quotidiano Sovranista

Nel luglio del 2013 un quotidiano online, nato dalla pagina Facebook “Questa è la Sinistra Italiana”, lancia e vince la sua scommessa. Qelsi.it riesce a combattere l’allora strapotere della sinistra sul web radicandosi e occupando uno spazio che fino ad allora era rimasto vacante: quello di un sito, ma soprattutto di un punto di riferimento, per gli utenti di centro destra nella rete. Un quotidiano che è riuscito in pochissimo tempo a raggiungere milioni di utenti unici mensili, senza nessun supporto economico e senza divenire mai organo di alcun partito. La forza di Qelsi erano gli amministratori locali di grandi e piccoli comuni, consiglieri regionali, provinciali, comunali, ma anche semplici cittadini accumunati da una unica certezza: quella che Qelsi avrebbe portato all’attenzione nazionale ogni malefatta, ogni abuso della sinistra al governo anche nella città più piccola del Bel Paese.

Una forza data dalla credibilità e dalla correttezza delle notizie pubblicate. Un successo culminato con la pubblicazione del libro “Questa è la Sinistra Italiana” che è riuscito a colmare un’altra lacuna: raccontare la sinistra con obiettività, sfatando miti che negli anni erano diventati presunte certezze.
Una scommessa vinta sotto tutti i punti di vista da tre ragazzi che hanno lanciato una sfida contro lo strapotere dell’allora sinistra che sembrava imbattibile.
Oggi siamo di nuovo qui a lanciare la sfida. Una nuova sfida, forse ancora più difficile ma sicuramente ricca di stimoli, e si sa che gli stimoli generano entusiasmo intorno ai progetti.

La sinistra italiana non ha più bisogno di essere “criticata” per il semplice fatto che non esiste più annientata dalla sua stessa presunzione e dalla sua arroganza.
La sfida che lanciamo è quella di un progetto molto più ambizioso. Per certi aspetti ci troviamo nella stessa situazione del 2013, siamo di fronte ad un vuoto da colmare all’interno della piattaforma web. Quello che manca nell’editoria dello scenario politico italiano è un QUOTIDIANO SOVRANISTA. Ed è così che abbiamo deciso di mantenere il nome della testata ma Qelsi non sarà più l’acronimo di Questa è la Sinistra Italiana, bensì di Questa è la Sovranità Italiana.
In questo preciso momento storico, gli italiani stanno riscoprendo, grazie anche alle politiche dell’attuale governo e nello specifico di Matteo Salvini e della Lega, il bisogno di sentirsi orgogliosi di essere italiani, di non essere più lo zimbello di un’Europa che si prende gioco di noi e ci tratta come l’ultima ruota del carro. “Prima gli italiani”, il bisogno di una affermazione del Sovranismo è qualcosa di più di una semplice moda passeggera.

Quello che vuole fare Qelsi, forte del radicamento e dell’esperienza fatta negli anni passati, è lanciare un quotidiano che sia un bacino di raccolta di idee sovraniste permettendo così finalmente di aprire un serio e costruttivo dibattito che possa portare ad un centro destra unito e compatto sì, ma su basi sovraniste. Dove per sovranismo non si intende un sovranismo di pancia come erroneamente viene identificato e attaccato in massa oggi da ogni organo di informazione, ma si intende un sovranismo consapevole, solo così puó davvero radicarsi una nuova forza politica in grado di governare l’Italia.
Una sfida che può essere lanciata anche grazie alla scelta dell’editore Marco Matteoni di credere nel nostro progetto, quindi a lui va il mio grazie e quello di tutta la redazione.

Ci sono tanti compagni di viaggio della prima ora di Qelsi che contribuiranno alla rinascita di questo progetto, ma le nostre porte sono aperte a chiunque voglia sposare il nostro progetto e dare finalmente all’Italia quel quotidiano sovranista che manca.

Oggi alle 13 in conferenza stampa alla Camera dei Deputati verrà presentato il quotidiano Sovranista.

Spetta a noi ora riuscire a vincere anche questa nuova sfida.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi