“Quel titolo non fu vilipendio”: assolto Maurizio Belpietro

Ogni tanto una buona notizia arriva: è stato assolto perché il “fatto non sussiste” Maurizio Belpietro, a processo a Milano per “vilipendio” verso coloro “che professano la religione islamica” per avere pubblicato, l’8 gennaio 2015, sulla prima pagina di Libero, giornale di cui era direttore, il titolo ‘Questo è l’Islam’, corredato da una foto che mostrava l’attacco terroristico al settimanale satirico Charlie Hebdo a Parigi del giorno precedente. Lo ha deciso nel pomeriggio il giudice monocratico del Tribunale di Milano Ombretta Malatesta che non ha accolto la richiesta del pm Piero Basilone di condannare il giornalista a una multa da 7.500 euro. Il pm contestava poi al direttore de ‘La Verità’ l’aggravante di “avere commesso il fatto per finalità di discriminazione e di odio religioso”, e la violazione della legge Mancino che punisce “discriminazione, odio o violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”. Reati da cui Belpietro era giù stato assolto nel dicembre 2017 per un altro titolo (‘Bastardi islamici’).

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi