Allarme terrorismo: francese armato fermato all’aeroporto di Londra

bagaglio Come riferito dagli attentatori dello scorso 13 Novembre a Parigi, una delle prossime città da colpire sarà la capitale Inglese, già frutto di famose problematiche con l’enorme percentuale di islamici all’interno del proprio territorio. Poche ore dopo l’attentato, che ha colpito “La Ville Lumière” e che ancora oggi sta contando morti e feriti, nel secondo aeroporto di Londra viene fermato un uomo Francese di 41 anni originario della città di Vendome.

La polizia locale non ancora rivela il risultato del colloquio con il presunto attentatore da come riportato anche dal sito web della BBC, ma le motivazioni del fermo sono per la presunta pistola portata all’interno della borsa. Intanto il premier David Cameron, uno dei primi presidenti ad indignarsi per il grave fatto accaduto a Parigi, alle ore 23 del 13 Novembre lascia un commento sul suo profilo Facebook ” Io sono scioccato degli eventi accaduti a Parigi questa notte. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con il popolo francese. Noi faremo tutto il possibile per aiutarvi.” Così commenta il premier Britannico i clamorosi fatti parigini, e nel giorno successivo convoca un incontro con il comitato di emergenza britannico per la sicurezza nazionale.

Tanta la paura nella città, ma nello stesso tempo, rafforzate le misure di controllo in aeroporti, porti e zone più affollate della città. Tutte le principali figure Inglesi invitano alla vigilanza e alla salvaguardia di tutto il popolo. La tensione è alta, la sicurezza è stata rafforzata.

 

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi