Caccia due borseggiatori dalla metro: loro lo aspettano fuori e lo minacciano | VIDEO

Schermata 2015-03-26 alle 02«Se lo rifai ti meno». Sorpresi a scippare in metropolitana, inseguono il passeggero che li ha fermati e lo accerchiano minacciandolo. Succede a Roma, nella centralissima via Veneto.
Il racconto, riportato dal sito Romafaschifo, è di Andrea, che racconta come, alla stazione metro Barberini, sia stato minacciato e quasi malmenato da due giovani borseggiatori che stavano guadagnandosi la giornata scippando pendolari e turisti. Dopo essere stati spinti fuori dalla metro, i due non si arrendono e lo inseguono fuori dalla stazione per fargliela pagare.

Scortato da un vigilante fino all’uscita, Andrea pensa che la questione sia chiusa finché non trova i due che lo aspettano fuori, in pieno centro. «Non fotografarmi o ti spacco», lo minaccia il più giovane dei due, che non avrà più di 13 anni, mentre l’altro rincara: «E’ la prima volta, se lo rifai ti meno».

Le immagini, riprese da Andrea in un video, parlano da sole: i due accerchiano il malcapitato, lo insultano e cercano di spaventarlo, fino a lanciargli contro un fusto di birra trovato sul marciapiede. I passanti guardano ma non intervengono. Una scena che si ripete quotidianamente sui mezzi pubblici della Capitale: la vigilanza non interviene e i pochi passeggeri che si azzardano ad alzare la voce contro i borseggiatori vengono intimiditi e minacciati.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il Messaggero

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi