Charlie Hebdo subito in edicola. Otto pagine, tiratura decuplicata

je suis In edicola, subito. Il settimanale satirico francese Charlie Hebdo uscirà la prossima settimana: lo ha reso noto Patrick Pelloux, uno dei cronisti del giornale. «Usciremo ugualmente, non hanno vinto», ha detto il vignettista. Nonostante il terrificante attacco islamista subito mercoledì, in cui sono morte 12 persone (tra le quali, il direttore Charb, e 7 giornalisti/vignettisti), il periodico – nel mirino per la sua visione considerata blasfema dell’Islam – sarà comunque nelle edicole. La ministra francese della Cultura, Fleur Pellerin, ha annunciato stasera su France 5 che ha intenzione di «sbloccare d’urgenza» circa un milione di euro per assicurare la sopravvivenza del periodico. Sul sito del settimanale, intanto, è apparsa l’immagine, su sfondo nero, di una mano che impugna e innalza una matita, con la scritta: «Charlie Hebdo, il giornale dei sopravvissuti».

Tiratura da un milione di copie
Sarà un’edizione più concisa del solito ma con una tiratura decuplicata: queste le caratteristiche del nuovo numero di Charlie Hebdo che andrà in edicola il prossimo mercoledì nonostante la strage di giornalisti di cui è stato vittima. Il settimanale satirico uscirà con un’edizione di 8 pagine, invece che le solite 16, ma con una tiratura di un milione di copie contro le solite 60mila. Il giornale ha ricevuto aiuti dai gruppi di Canal + e Le Monde, e lo staff sarà ospitato dal quotidiano Liberation. Intanto, l’ex sindaco socialista di Parigi, Bertrand Delanoe, ha invitato tutti «a comprare Charlie Hebdo mercoledì prossimo se esce, e nei mesi e anni a venire». 250 mila euro sono in arrivo dal fondo per l’innovazione digitale nella stampa (istituito in Francia per valorizzare progetti innovativi sul fonte digital e finanziato da Google)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Corriere.it

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi