Disabile e con 4 figli, vive con 280 euro: la triste storia di un giovane italiano

disabiliNell’Italia dove il razzismo al contrario è sempre più frequente e dove gli immigrati arrivati sui barconi hanno più diritti di chi è nato qui, spicca la storia di Michele Cimino, un disabile palermitano, costretto a vivere con appena 280 euro al mese. Soldi con i quali deve mantenere quattro figli.

Scrive Il Giornale di Sicilia:

“Cerco di sopravvivere con appena 280 euro al mese di pensione di invalidità. Ho 4 figli da mantenere. Non ce la faccio più. Non cerco soldi, ma un lavoro, che mi ridia dignità”. È l’ennesimo grido di dolore di un giovane palermitano, Michele Cimino, disabile, senza più un’occupazione ma con una famiglia numerosa da mantenere.

Per lui, che stamattina ha raccontato la sua storia alla trasmissione Ditelo a Rgs, e per i suoi familiari ogni giorno diventa sempre più difficile. “Sopravviviamo con meno di 300 euro che provengono dalla mia pensione d’invalidità”. Ad aggravare la sua situazione e a rendere ancora più complicata la ricerca di un lavoro la disabilità motoria a un braccio. “Non chiedo soldi, ma un posto di lavoro per campare la famiglia, ma per me, che non ho un braccio, è tutto ancora più difficile. Da gennaio sono iscritto alle liste di collocamento per le categorie protette, ma invano. Lo Stato non aiuta i disabili, che sono così costretti a vivere nella povertà”. Ad aiutare Cimino e i suoi figli i genitori e i suoceri. “Per il resto, mi adeguo con qualche lavoretto saltuario e malpagato”. Il suo appello, ripete, non è per avere soldi, “ma trovare qualcuno di buon cuore che possa offrirmi un lavoro, che mi permetta di sostenere mia moglie e i miei figli”.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi