Expo 2015: 15 giorni e un temporale lo fanno già cadere in pezzi

QELSI1Sono passate poche settimane dall’apertura di Expo 2015, ma già si cominciano a vedere i primi segni di cedimento.
I primi incidenti erano avvenuti nei primi giorni di apertura al padiglione della Turchia, protagonista del primo cedimento.
Sabato, forse complice anche il temporale della giornata precedente, ha visto il crollo di circa un metro quadrato di intonaco ed isolante che coibentavano la struttura in legno che ricopre la sala stampa del Media Center e gli uffici dell’amministrazione di Expo S.P.A.
Nessun ferito fortunatamente, solo un piccolo spavento per alcuni giornalisti presenti e l’immediata preoccupazione degli organizzatori intervenuti per capire l’entità del danno.

QELSI1

Il dato però è allarmante, se confrontato con le condizioni meteo delle estati precedenti.
Se un’ora di pioggia è riuscita a ridurre così lo stato dell’isolante, chissà cosa potrà accadere con i violenti temporali estivi che hanno allagato Milano l’anno scorso e con il caldo estivo che scioglierà la piastra di asfalto che ricopre i 1000 chilometri quadrati del sito espositivo.

Expo 2015 offre un buon colpo d’occhio al visitatore con architetture originali ed effetti luminosi, ma non permette di godere appieno dell’esperienza, costringendo il pubblico a guardare al cielo per scrutare ogni possibile segnale di pericolo.

QELSI3

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi