I “buoni” dei centri sociali e i “cattivi” leghisti. IL VIDEO

Immagine 2Chi sono i buoni? Chi i cattivi?
Pierluigi Bersani sembra avere le idee chiare quando parla di “tensione” e “rischio di regressione” che a suo dire “c’è in giro”. Se non è Salvini è un altro, dice l’ex segretario del Pd. Insomma, i soliti richiami allo “spirito civico” e le solite tentazioni moraliste della sinistra italiana.
Nel video di Virus, Rai Due, diffuso anche da Matteo Salvini sulla sua bacheca, le parole di Bersani risultano però quasi ironiche e paradossali: mentre parla, la carrellata di immagini si sposta sul confronto tra leghisti e antagonisti dei centri sociali del corteo anti-Salvini.
Leghisti: ragazze (belle), anziani, famiglie, sorrisi. Centri sociali: fumogeni, botte con la polizia, cartelli aggressivi, slogan contro le forze dell’ordine. E minacce. Un ragazzo, intervistato, dichiara: “Devo essere pacifico con quelli che interessano a me. Poi chi è contro i miei ideali deve essere ammazzato”. Un altro teorizza il “diritto all’odio”.

Troppo di parte il video di Virus? Sarà.
Ma chiediamo a Bersani: i buoni da che parte stanno? E i cattivi?

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi