I William Wallace dei giorni nostri

Logo SOSChi l’avrebbe mai detto? La nuova Lega Nord e Forza Italia si rincorrono l’un l’altra per fare proprie le iniziative dell’agguerritissima pattuglia di SOS partita IVA.

Prima Armando Siri inserisce nel suo programma il tema dell’inversione della prova nei rapporti tra erario e contribuente ed ora, la segreteria di quel che fu il maggiore partito dei moderati , rilancia, depositando, anche alla Camera dei Deputati, dopo averlo fatto già al Senato nella primavera scorsa, la proposta di abolizione del Solve et repere, quell’odioso nodo scorsoio che Tremonti tirò intorno al collo dei contribuenti e, per il quale, anche in sospensione di giudizio, devi versare nelle casse dello Stato quanto presuntivamente richiesto dai suoi esattori nella misura del 30% ed oltre (nel caso di contributi previdenziali) dell’importo contestato.

Una norma che, qualora abolita, ribalterebbe di un sol colpo, a favore finalmente del contribuente, il rapporto tra Stato e cittadini in materia di tributi, mettendo fine ad uno degli abomini fiscali che più pesano, come una spada di Damocle, su chi produce e lavora di suo in questo paese. E’ un fatto del tutto nuovo, nella politica italiana di fase, che un corpo intermedio, un’associazione o un movimento politico che sia riescano a fare da volano in questo modo e su tali temi alla sensibilizzazione dei partiti maggiori, i quali, paiono, come detto all’inizio, rincorrersi nel tentativo di attribuirsene la paternità.

Andrea Bernaudo000
Andrea Bernaudo, Presidente di SOS partita IVA

Zero soldi a disposizione, un Centro Studi che invece di stare a libro paga di qualcuno o a produrre slogan produce, a sue spese, articolati di legge e drafting costituzionali sule proposte che pone in essere ed il gioco è fatto: non ti possono dire di no ed anzi ti inseguono. Neanche gli Uffici legislativi di Camera e Senato hanno potuto opporre resistenze formali alla proposta di legge, talmente era ben formulata, neanche su una virgola hanno potuto eccepire. Un metodo nuovo, rigoroso, per una battaglia di libertà, irriducibile, antica almeno di vent’anni. Come può la società produttiva di questo paese non stringersi intorno a questi valorosi, moderati William Wallace dei giorni nostri? Può essere l’ultima occasione prima che il Plantageneto tassaiolo di stato distrugga le residue risorse di quello che fu il più bel paese del mondo.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi