Il Presidente del Consiglio regionale sardo accoglie Boldrini con un camion di fiori

IMG-20150319-WA0001Domani il Consiglio regionale della Sardegna ospiterà, in una seduta straordinaria, la Presidente della Camera Laura Boldrini. Il Presidente del Consiglio regionale ha quindi deciso di accogliere alla grande la sua collega di rango nazionale tanto che questa mattina entrando nel palazzo di via Roma i Consiglieri regionali isolani si sono trovati davanti un vero e proprio camion di fiori (vedi foto) che dovranno abbellire il palazzo domani.

IMG-20150319-WA0001

Il tutto mentre fuori dallo stesso palazzo protestavano rispettivamente gli operai dell’ALCOA perché sono da ben 15 mesi che non vedono i soldi della cassa integrazione e il sindacato autonomo di polizia (SAP) che chiedeche il governo investa 6 milioni per un corso antiterrorismo per migliorare la preparazione delle forze dell’ordine italiane.

La denuncia è partita da un foto pubblicata dai profili dei Consiglieri regionali Paolo Truzzu (FDI) e Oscar Cherchi (FI) che ha commentato: “questo è ciò che ho trovato stamattina al mio arrivo in Consiglio regionale: un camion di fiori per addobbare il palazzo. Mi domando: era proprio necessario spendere così i soldi pubblici? Non era meglio omaggiare la Presidente con un mazzo di fiori?”

È chiaro che la cifra impiegata per l’acquisto delle piante sia abbastanza esigua: qualche centinaio di euro, forse un migliaio. Ma il problema è un altro. Ed è il messaggio che viene mandato. La realtà è che la prima repubblica è finita 20 anni fa e i fasti che la caratterizzavano non possiamo più permetterceli. I cittadini l’hanno capito, la classe politica quando lo capirà???

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi