In difesa dell’egoismo

10877716_10200291184519059_458582331_nL’egoismo del quale si è parlato oggi alla Fondazione Einaudi di Roma, in occasione della presentazione del libro della scrittrice Barbara Di Salvo, è quel moto interiore che porta a chiamare i nostri desideri con il loro nome, senza giri di parole, con una piena corrispondenza tra ciò che veramente vogliamo e quanto dichiariamo di volere.
Una virtù rara in una società dove come senti qualcuno affrontare qualsiasi tema non si sente parlare di altro che di bene comune, di azioni disinteressate, per poi immancabilmente scoprire che di tutto trattasi fuorchè di questo.

È un invito alla ricerca della propria felicità questo libro, una felicità che abbia come unico limite ciò che non ci appartiene e lo stesso diritto da parte di chiunque altro.
Quando a vincere è l’egoismo di cui ci parla Barbara Di Salvo è la libertà a vincere e a soccombere tutte le ipocrisie, il politicamente corretto, l’invidia sociale, l’omologazione.

Talmente forte e sentito il messaggio che si è appropriato di tutta l’atmosfera della conferenza, intima, sincera e che ha letteralmente coinvolto anche i due relatori, Renato Brunetta e Mario Sechi, ai quali, in un tale clima conviviale, nessuno ha pensato di stare a rimarcare la loro lunga abitudine ad ogni forma di politically correct.
Sono saltati gli schemi, ognuno con il suo sano egoismo, senza veli, ma solo storie ed aneddoti divertenti da raccontare e condividere con tutti gli altri presenti.
Se anche nella politica di questo paese si riuscisse ad instaurare, come un fatto del tutto normale, lo stesso clima che si è respirato quest’oggi tra società civile e politici di lungo corso staremmo un bel pezzo avanti.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi