Lo scudo di Star Wars è realtà

Gungan_Shield“No! Provare no! Fare, o non fare! Non c’è provare!”.
Se il maestro Yoda vedesse la nuova tecnologia brevettata da Boeing, commenterebbe così il nuovo scudo creato dal gigante dell’aviazione.
Reso operativo il sistema di attenuazione “Shockwave”, formato da un sensore di bordo e da un generatore.

“Il sensore rileva l’esplosione nelle vicinanza, quindi invia il segnale al generatore. Quest’ultimo produce un campo di plasma tra il bersaglio e l’esplosione utilizzando laser, elettricità ed onde elettromagnetiche”.

Lo scudo forma una sorta di cuscinetto che ostacolerebbe l’onda d’urto, riflettendo, rifrangendo, assorbendo e deviando parte delle schegge.

Si legge nella nota ufficiale: “Shockwave può ridurre la densità dell’onda d’urto deviandola in un percorso alternativo. Poiché il sistema riscalda e ionizza l’aria, non è stato progettato per avvolgere grandi aree così come visto per lo scudo di energia in Star Wars, anche se è tecnicamente possibile. Il problema semmai, si porrebbe per quanti si dovessero trovare all’interno. Gli attuali scudi progettati, infatti, devierebbero anche la luce, lasciando chiunque si dovesse trovare all’interno, totalmente al buio”.

Franco Iacch – Difesaonline

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi