Malta ci scarica gli immigrati in cambio di un po’ di gas

Immigrazione: Fregata Euro soccorre due barconi con 956 profughiUn accordo segreto tra Italia e Malta sulla questione degli immigrati provenienti dalla Libia che avrebbe risolto definitivamente i problemi de La Valletta, da sempre alla prese con gli sbarchi di clandestini. Lo ha denunciato il quotidiano Libero, che in un articolo pubblicato oggi scrive.

Con un accordo segreto stretto con il governo italiano, Malta ha risolto il problema dei migranti. Da una media di 1.600-1.700 arrivi all’anno fra il 2002 e 12012, il flusso è sceso a 568 nel 2014 e nel 2015 si è ridotto a menu di un centinaio. Ma c’è il trucco, spiegarlo Katrine Camilleri, direttrice della sede di Malta del lesuit Refugee Service: «Vengono tutti portati in Italia. Quindi è chiaro che l’Italia è d’accordo». Il sospetto degli operatori umanitari è che dietro l’intesa informale che impegna l’Italia a farsi carico dei migranti in arrivo dal Nord Africa, in osa anche dal ministro dell’Inter-no dell’isola, Carmelo Abela, vi sia una contro-partita in campo energedco. Anche l’ambasciatore italiano a M alta, Giovanni de Vito, aveva confermato l’esistenza di un accordo tra Roma e La Valletta che impone una moratoria sulle attività esplorative nelle acque offshore a sudest della Sicilia, oggetto di rivendicazione da pane di entrambi i governi. Si tratta di «accordo tra gentiluomini», spiegò, che ha sospeso ogni attività su 18mila chilometri quadrati di mare finché un accordo formale di esplorazione congiunta non sia raggiunto.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi