Renzi e i 175 milioni spesi per un aereo rimasto nell’hangar

renzi_pd_silenzioR439_thumb400x275Troppo impegnato nel salva-banche, Renzi si è dimenticato del suo giocattolone da 175 milioni di euro. È l’airbus A340 di Renzi, in Italia dal 4 ottobre scorso, per essere operativo il 22 dello stesso mese, per la tratta Italia – Cile: finora non si è mai mosso dall’hangar!

Il Leopoldo l’ha preso in leasing da Ethiad per fare il giro del mondo senza nemmeno uno scalo, ma nessun pilota militare italiano assegnato al servizio di Stato aveva il brevetto per utilizzarlo.

Tranquilli: nel frattempo, lo Stato Italiano sta pagando la rata del leasing (l’ affitto, per intenderci …) ad Ethiad. Il costo dovrebbe aggirarsi sui 5 milioni di euro all’ anno, visto che il valore del mezzo è di circa 175 milioni di euro.

Alla faccia dei tagli a Sanità, Difesa ed Istruzione …

Ed oltre allo sprego, la beffa: a seguito dell’indagine giornalistica di Max Laudadio, inviato di Striscia la Notizia, si eccepisce sia che lo spreco è doppio (soldi per il leasing e soldi per far brevettare i militari che lo piloteranno), sia che sarà davvero complesso far decollare quell’aereo da Ciampino (sede del XXI Stormo), “perché è troppo grande”.

Ora Renzi spenderà altri soldi per modificare l’aeroporto apposta per il suo giocattolone?

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi