Santo Domingo, giornalista italiano trovato morto. L’ultimo post su Facebook: «Mi hanno aggredito»

20150314_c1_amssSANTO DOMINGO – Un giornalista italiano di 55 anni, Paolo Moschini, è morto nella località di Pedernales, nel sudovest della Repubblica Dominicana, dopo essere stato ricoverato nell’ospedale Elio Fiallo.
È quanto riporta la stampa locale, citando un portavoce della procura locale, Eleuterio Cuevas Herasme, secondo cui l’uomo sarebbe morto per intossicazione alcolica.

La moglie, Eleonora Antonietta, ha confermato su Facebook la morte dell’uomo, originario di Mantova, ma non crede all’ipotesi del malore. Solo pochi giorni fa, il 10 marzo, Moschini aveva pubblicato un post in cui denunciava di essere stato aggredito in un parco. «Volevano rapinarmi ma ho reagito colpendone uno e l’altro è scappato. Ora vado dai militari», aveva scritto. Secondo il sito Pedernales en Detalles, invece, nella notte dello scorso 11 marzo Moschini, che si trovava da qualche giorno nella località, si è sentito male ed è stato portato all’ospedale da un amico del quartiere Los Guayacanes, ed è successivamente deceduto per una presunta overdose di alcol.

Secondo l’edizione digitale del quotidiano Hoy, Moschini è deceduto intorno alle 2 del mattino (le 7 in Italia) «malgrado gli sforzi fatti per stabilizzarlo, dopo aver passato tre giorni ingerendo alcol senza assumere cibo». Il suo corpo è stato depositato nell’obitorio dell’ospedale di Pedernales, dove deve essere sottoposto a un’autopsia.

Fonte: Il Messaggero

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi