Sardegna: il ritorno della pantera

pecore_goceanoQualche settimana fa vi avevamo dato la notizia di una pantera che imperversava nel nord Sardegna facendo strage di ovini. Vi ricordate? Ebbene nonostante l’istituto zooprofilattico della Sardegna avesse confermato che i morsi presenti sui corpi del bestiame trovato morto non appartenessero a fauna locale e nonostante l’avvistamento della pantera da parte di almeno due operatori del corpo forestale pareva si fossero perse le tracce del maestoso felino.

Molti erano pronti a giurare che qualche cacciatore l’avesse incrociato sulla sua strada e abbattuto durante una battuta di caccia al cinghiale. Niente di tutto ciò! Ieri la pantera è tornata a farsi sentire…

Una quarantina di pecore, appartenenti all’allevatore Bachisio Falchi di Benetutti, sono state trovate morte ieri mattina nell’azienda agricola che dista pochi chilometri dal paese. Alcuni capi erano ancora agonizzanti, altri sfigurati con parti di testa e muso strappati. Dopo questo ennesimo episodio concordano anche i veterinari e i forestali: l’attacco è opera di un grosso felino. E il sospetto che si possa trattare della pantera avvistata un mese fa tra Bultei e Nughedu San Nicolò si fa sempre più strada tanto che i tecnici dell’istituto zooprofilattico hanno prelevato tracce di DNA per procedere a verifiche e comparazioni.

L’attenzione sulla vicenda pantera è rimasta alta nel primo periodo degli avvistamenti segnalati da cacciatori e automobilisti, poi è calato il silenzio in attesa dei famosi riscontri sui campioni prelevati dall’istituto zooprofilattico. Riscontri non ancora arrivati. Nonostante il silenzio calato negli ultimi tempi il bestiame è continuato a morire. Anche le fototrappole della forestale non hanno dato i risultati sperati, infatti si sta pensando ad altri sistemi da utilizzare identificare l’animale che sta dimezzando le greggi nel Goceano. Una cosa è certa, questo attacco desta particolare allarme tra le comunità locali in quanto per la prima volta avviene in una struttura vicina al paese e non in mezzo ai boschi della zona…

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi