Ubriaco inneggia in strada ai fatti di Parigi, poi ferisce un carabiniere: arrestato

coltello-2Trasportato in ospedale per essere sedato l’uomo ha tentato di colpire un infermiere con una testata ​

Ha dato in escandescenze in strada inneggiando ai fatti di Parigi. E’ successo a Colle Val d’Elsa nella tarda serata di ieri. “I musulmani conquisteranno il mondo“: urlava ubriaco. Il 28enne di nazionalità tunisina, senza fissa dimora, è stato così trasportato all’ospedale per essere sedato, ma una volta arrivato ha ferito un carabiniere durante una colluttazione. Per questo l’uomo è stato arrestato.

I carabinieri erano stati chiamati da numerosi cittadini che segnalavano una persona ubriaca che suonava i campanelli delle abitazioni e imprecava ad alta voce in strada. Alla vista dei militari giunti sul posto, l’uomo ha reagito estraendo un coltello e provando a colpire un carabiniere. Una volta disarmato, il ventottenne, di fronte agli occhi di numerosi cittadini scesi in strada, è stato caricato in ambulanza e trasportato in ospedale per essere sedato. Qui ha dato nuovamente in escandescenza e, dopo aver tentato di colpire con una testata un infermiere. Ne è nata una colluttazione con un carabiniere che ha riportato una lesione al polso giudicata guaribile in 5 giorni.

Nel maggio del 2011, il tunisino, dopo aver litigato con un suo cugino, aveva chiuso tutte le finestre e le porte dove viveva il parente ed aveva aperto due bombole di gas nel tentativo di far saltare in aria lo stabile in centro storico a Colle Val d’Elsa. L’esplosione fu evitata dall’intervento dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco allertati dai vicini di casa che sentivano puzza di gas.

La Nazione

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi