Venti di Guerra: È In arrivo l’epilogo dell’ISIS?‏

isis (1)Poesie, canti e danze per indorare la pillola dopo una battaglia amara. Alla base sciita di Camp Ashraf a Diyala si festeggia la liberazione della provincia dopo che più di un centinaio di combattenti della milizia, l’Organizzazione Badr, erano stati uccisi in recenti combattimenti contro gli estremisti sunniti dello Stato islamico.
La nuova guerra si combatte così, da fattoria a fattoria, in una provincia mista composta da sunniti, sciiti, curdi e turchi dove alleanze improbabili si stringono per sconfiggere il terrorismo.
Nel frattempo anche la Giordania si è risvegliata, il barbaro omicidio del pilota giordano Muadh al-Kasasibah ha provocato la reazione del re Abd Allah II, il quale ha dato avvio ad una truculenta rappresaglia aerea. È diventata virale sui social network l’immagine del monarca in uniforme da combattimento.

Gli USA, immobilisti nella presidenza Obama, pensano ad un intervento di terra ad aprile per risolvere la spinosa questione.
Dal fronte ISIS arrivano minacce all’Italia: Sicilia nel target con i terroristi pronti a lanciare missili dalla Tunisia, in una lunga campagna di terrore che colpisce di settimana in settimana diversi luoghi del Belpaese.
Il mondo si muove e nemici di un tempo marciano come alleati contro questa nuova minaccia globale che puzza degli “ismi” noti nella prima metà del secolo scorso.
I venti di guerra sono caldi e soffiano sulla primavera occidentale, è forse in arrivo l’epilogo di questa brutta vicenda che ha portato l’umanità in un triste periodo di terrore, dove la popolazione si è assuefatta alle temibili immagini splatter del Califfato Islamico?

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi