50 sfumature di stupro

violenza-sessuale-770x472Perchè in fondo ci sono stupri un po’ meno stupri, avete presente no, quegli stupri che verrebbero “giustificati” dal fatto che forse le donne si vestono in modo troppo provocante, quelli che se le donne restassero a casa non verrebbero stuprate. Di conseguenza ci sono anche le molestie un po’ meno molestie. Ce le stanno insegnando in questi giorni, dopo i recenti fatti in Germania, molti rappresentanti del sinistro pensiero. Ad esempio la pagina Facebook Osservatorio Antifascista si lancia in una disquisizione di ben 10 punti (avete capito bene sanno contare fino a 10) sui recenti fatti di Colonia, cercando di fare chiarezza:

“Punto 1: La destra e Salvini stanno strumentalizzando il fatto per seminare odio e raccogliere consensi.
Punto 2: Ricordiamoci che i tedeschi durante la II Guerra Mondiale hanno ucciso milioni di persone.
Punto 3: In Italia e nel resto del mondo avvengono milioni di stupri ogni giorno all’insaputa della maggior parte dei cittadini.
Punto 4: Berlusconi ha fatto molto di peggio.Si è macchiato di pedofilia, corruzione, favoreggiamento della prostituzione, etc…
Punto 5: I mass media controllati da Berlusconi per fare audience parleranno della vicenda innumerevoli volte
Punto 6: Gli accusati, molto probabilmente, sono fuggiti da guerre, carestie e indigenze varie. Si saranno sentiti emarginati e in carenza di affetto, quindi hanno agito di conseguenza.
Punto 7: Non saranno stati 1000 stupratori, i numeri sono stati gonfiati.Inoltre non è giusto chiamarli in modo tale, ma bensì, andrebbero chiamati al massimo molestatori.

Punto 8: Questo è l’ennesimo attacco islamofobo, razzista e bigotto da parte dei media filofascisti.
Punto 9: Populismo e demagogia trionfano sull’opinione pubblica. Il fatto che fossero tutti e 1000 immigrati non conta. Sarebbero potuti essere benissimo 1000 italiani o 1000 tedeschi.
Punto 10: Generalizzare è sbagliato. Lo stupro non è un esclusiva degli immigrati, ma di tutti gli uomini.”

Ovviamente anche qui è tutta colpa di Berlusconi, ma ormai non fa più notizia, è quasi tradizione. Quindi i poveretti si sentivano soli ed emarginati, non potevano che comportarsi così.

E ancora leggiamo commenti profondi:

Ma vi siete mai chiesti questi ragazzi o giovani uomini, costretti a vivere senza donne, cioè senza possibilità di avere rapporti sessuali, e per di più abituati a vedere solo donne velate. Trovandosi improvvisamente circondati da un contesto pieno di provocazioni, come dovevano sentirsi? A quali sollecitazioni sono soggetti?

Aspettate che il ragionamento non è finito, ora spiega meglio:

Secondo me i fatti di Colonia, che hanno dato origine a commenti indignati e complesse dissertazioni etnico-culturali, hanno delle spiegazioni molto più banali. Proviamo a metterci al loro posto, solo per un momento…Non dico che vanno giustificati, né tollerati, ma io penso che date le condizioni in cui si trovano è già molto che fatti del genere non si verifichino più spesso; e il ritrovarsi in gruppi numerosi, in un’atmosfera festosa come quella di fine d’anno, abbia fatto perdere a questi ragazzi il controllo che di solito si impongono, nonostante le forti tentazioni cui sono sottoposti. Tutto qui.

Tutto qui. Avete capito? Tutto qui.
Se devo essere sincera, parlando da donna, non so se mi spaventa di più l’idea che i fatti di Colonia siano inevitabilmente destinati a ripetersi, o l’idea di vivere la quotidianità con persone che giustificano queste bestie.
Tutto qui.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi