Charlie un anno dopo: “L’assassino è ancora libero”. E accusano la religione

Copertina anniversario Charlie HebdoAd un anno dalla strage nella redazione di Charlie Hebdo, il settimanale francese torna in edicola con un numero speciale. Titolo: “Un anno dopo, l’assassino è ancora in libertà”; illustrazione: Dio con un mitra in spalla. La provocazione dello Charlie ha già suscitato polemiche, come ci riporta Panorama.

“Un anno dopo, l’assassino è ancora in libertà”. Mitraglietta sulle spalle, vestiti pieni di sangue, sguardo tra l’aggressivo e lo spaventato, dio (ma un dio generico, di tutte le religioni), dopo avere ucciso giornalisti e vignettisti di Charlie Hebdo ai primi di gennaio, non è stato ancora arrestato.

Questa la copertina disegnata da Riss (Lurent Sourisseau), su uno sfondo nero, del numero anniversario della strage di Charlie Hebdo in edicola il 6 gennaio, un anno dopo l’attacco al giornale, il 7 gennaio dello scorso anno.

Apriti cielo: Charlie Hebdo è riuscito a unire chiesa cattolica e musulmani di Francia. Ai vescovi francesi e al Consiglio del culto musulmano proprio non è piaciuta la copertina.

“La Conferenza episcopale francese non commenta chi cerca solo di provocare. È il genere di polemiche di cui la Francia ha bisogno?”, scrivono i vescovi transalpini sul loro account Twitter ufficiale, mentre il presidente del Consiglio del culto musulmano Anouar Kbibech si dice “ferito” dalla caricatura, che “colpisce tutti i credenti delle diverse religioni” in un momento in cui ci sarebbe invece bisogno di “segni di distensione”.

Il messaggio di laicità senza compromessi di Charlie è esplicitato in modo più netto nell’editoriale del direttore e autore del disegno Riss, che se la prende con i “fanatici abbrutiti dal Corano”, ma anche con i “baciapile di tutte le religioni” per gli attacchi a Charlie e al suo “aver osato scherzare sulla religiosità” e sul sacro.

“Nel 2006, quando pubblicammo le caricature di Maometto, nessuno pensava davvero che un giorno sarebbe tutto finito nella violenza”, scrive il vignettista, che fu gravemente ferito nell’attentato. “Un mese prima del 7 gennaio avevo chiesto a Charb (il direttore di allora, morto nella strage, ndr) se la sua protezione avesse ancora senso, le caricature, tutto questo, erano cose del passato. Ma un credente, soprattutto fanatico, non dimentica mai l’affronto fatto alla sua fede, perchè ha dietro e davanti a sè l’eternità. È l’eternità che ci è piombata addosso quel mercoledì 7 gennaio”.

Intanto, anche il quotidiano parigino Le Monde ricorda, a modo suo, l’anniversario dell’attacco, ricostruendo in un lungo articolo le numerose “occasioni mancate” da polizia e 007 per fermare i fratelli Kouachi prima che imbracciassero i fucili e sparassero nella sede di Charlie. Il primo di questi “appuntamenti”, riporta il giornale, è datato dicembre 2011, quando i servizi segreti scoprirono che uno dei due era in regolare contatto via e-mail con un certo Peter Cherif, jihadista messo sotto inchiesta nei primi anni Duemila ma fuggito in Iraq prima di finire sotto processo, che si era poi ricavato un posto di prestigio nei ranghi di Al Qaida nella penisola arabica.

Lo stesso gruppo in nome del quale, oltre quattro anni dopo, sarà rivendicato l’attacco al settimanale satirico. Da allora, secondo i verbali desecretati degli 007 francesi citati da Le Monde, Said Kouachi restò sotto intercettazioni otto mesi nel 2012, due nel 2013 e cinque nel 2014, mentre il fratello Cherif fu sorvegliato per due anni consecutivi, da dicembre 2011 a dicembre 2012. “Nessuna sorveglianza tecnica o fisica però – conclude il giornale – ha permesso di riscontrare la minima preparazione di un’azione violenta”.

Il nuovo numero avrà una tiratura di un milione di copie e sarà diffuso in tutto il mondo. Oltre ai contributi di molti artisti, ci sarà un omaggio ai cinque disegnatori vittime dell’attacco, con la pubblicazione di alcune loro opere, e un testo di Laurent Sourisseau con un lungo elogio della laicità.

La Francia commemorerà la strage di Charlie Hebdo il prossimo 10 gennaio con una cerimonia pubblica in Place de la Republique.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi