Il sindaco Pd di Bergamo:”Permesso di soggiorno a tutti gli immigrati che arrivano in Italia”

Giorgio-GoriUna carta di soggiorno della durata di un anno a tutti gli immigrati che arrivnao nel nostro paese. Ieri una frase del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, pronunciata in Prefettura durante l’audizione della Commissione d’inchiesta sull’accoglienza dei migranti, ha suscitato le proteste della Lega Nord. Gori, infatti, ha chiesto al governo di concedere indistintamente a tutti la carta di soggiorno per un anno, qualora la politica dei rimpatri veloci non fosse possibile.

Gori ha chiesto che il Governo si attivi per realizzare rimpatri assistiti dei migranti ai quali non viene riconosciuta la protezione internazionale. “Il Governo – ha affermato – si adoperi per una più effettiva applicazione della norma che prevede i rimpatri degli immigrati che sono visti definitivamente negata la protezione internazionale. Vanno siglati gli accordi bilaterali e vanno effettuati i rimpatri assistiti. Oppure, se si ritiene che questo non sia fattibile, si prenda in considerazione, come già in passato, la possibilità di riconoscere una forma di protezione provvisoria (per esempio, un permesso di soggiorno della durata di un anno) a tutti i richiedenti asilo, sottraendoli all’illegalità e dando loro la possibilità di cercarsi un lavoro o di muoversi liberamente in Europa”

I parlamentari bergamaschi del Pd presenti, Elena Carnevali e Beppe Guerini, hanno tentato di smorzare la questione, sostenendo che Gori non ha parlato di vera e propria carta di soggiorno, ma ha auspicato un provvedimento che possa regolarizzare un po’ la situazione e ridurre la criminalità.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi