Primarie Pd a Milano: Sala vince coi cinesi portati a votare

primarie pd milano cinesiGiuseppe Sala è ufficialmente il candidato sindaco del Partito Democratico a Milano, avendo vinto le primarie tenutesi ieri. Sono forti però i sospetti di brogli: non è passata inosservata la folta schiera di cinesi che è andata ai seggi. Quasi tutti i voti della comunità cinese sono andati a Sala. Ne ha parlato Sergio Rame su Il Giornale.

di Sergio Rame

Beppe Sala in testa alle primarie dei cinesi. A Milano, dopo due giorni di consultazioni, Mister Expo stacca gli altri candidati alle primarie del centrosinistra incassando il 42,2%.

Un distacco abbastanza netto anche se non si tratta certo di una vittoria schiacciante. Francesca Balzani, attuale vicesindaco di Milano portata in palmo di mano dallo stesso Giuliano Pisapia, si ferma a 33,9%, mentre Pierfrancesco Majorino deve accontentarsi del 23%. Pressoché incalssificato Antonio Iannetta che non riesce nemmeno ad arrivare all’1%.

Matteo Renzi tira un sospiro di sollievo. Il “suo” candidato, già direttore generale di Letizia Moratti, ha la moglio sulla donna forte del sindaco uscente. La rivoluzione arancione si schianta così dopo appena cinque anni. Il popolo di centrosinistra manda a casa Pisapia e affida a Sala la corsa del centrosinistra al Comune di Milano. Ma lo fa con l’amaro in bocca. Perché, ancora una volta, le primarie del centrosinistra non saranno ricordate come esempio di consultazione popolare, ma per le polemiche che si sono portate dietro. A scatenarle sono state le code di cinesi che, secondo Matteo Salvini, sono corse a “votare il candidato di Renzi”. Un’accusa che il responsabile sicurezza Emanuele Fiano le bolla come “irricevibile e disgustosa”. “I cittadini stranieri che hanno votato – ha sottolineato – sono stati il 4% e tutti regolarmente residenti a Milano”. Anche le associazioni delle comunità somale, cinesi e sudamericane hanno categoricamente smentito che ci sia stato “voto di scambio”. Anche se il dubbio resta.

I 150 seggi aperti in circoli del Pd e Sel, circoli Arci, negozi, bar e perfino in vecchie latterie, hanno favorito l’affluenza al voto. Ma i circa 60mila milanesi accorsi a dare la propria preferenza sono ben lontani da quota 67mila votanti registrati nel 2011, quando le primarie incoronarono Pisapia come candidato sindaco arancione. Da allora molto non ha funzionato. E la sinistra, a Palazzo Marino, non ha fatto altro che collezionare sfaceli. Tanto da allontanare il suo stesso elettorato. Il risultato di oggi, dunque, non è tanto la risicata vittoria del candidato di Renzi, ma la sconfitta delle politiche arancioni e la chiusura definitiva del capitolo Pisapia.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi