Proposta nelle scuole olandesi: cancellare una festa cristiana e festeggiarne una islamica

islamIn Olanda sta prendendo sempre più piede la proposta di sostituire nelle scuole pubbliche l’idea di cancellare dai calendari una festa cristiana (si parla dell’Ascensione) per sostituirla con una festa islamica (pare quella dell’Eid al-adha, ovverosia la commemorazione di Abramo che accetta il sacrificio di Isacco). Il caso è stato portato in Parlamento da Geert Wilders, che annuncia battaglia sul tema. A parlarne è Matteo Matzuzzi su Il Foglio.

di Matteo Matzuzzi

I presidi delle scuole di Amsterdam hanno dato la propria disponibilità a eliminare dal calendario scolastico un giorno di festività cristiana per sostituirlo con uno caro ai fedeli di religione islamica. L’approntamento del nuovo piano da parte dei consigli scolastici sarebbe già a buon punto, e l’idea che pare ottenere i maggiori consensi consisterebbe nel cancellare l’Ascensione e nell’inserire la festa di Eid al-adha, che commemora il sì di Abramo al sacrificio di Isacco. La richiesta è stata inoltrata alla municipalità della capitale olandese da un gruppo di scuole primarie dove molti alunni sono non cristiani. Immediata è stata la reazione del Partito per la Libertà (PVV), la formazione di destra guidata da Geert Wilders, che ha portato il caso in Parlamento: “Siete pronti a contrastare con le unghie e con i denti l’introduzione di eventi islamici e la sostituzione delle feste occidentali e cristiane con quelle islamiche?”, si legge in una interrogazione presentata alla Camera. Il testo si conclude con un’ulteriore domanda: “Se non siete pronti a combattere, per quale motivo state dando in regalo l’Olanda?”. Il deputato Harm Beertema ha chiarito la questione su Twitter: “L’istruzione ha un compito, ed è quello di trasmettere la nostra identità alle generazioni future anziché agevolare l’ideologia dell’odio”.

Già oggi, nei Paesi Bassi, i bambini di fede musulmana possono rimanere a casa nelle feste contemplate dal loro calendario religioso, a patto che presentino una richiesta – una sorta di giustificazione – con due giorni d’anticipo. Il piano appoggiato dai consigli scolastici di Amsterdam (dove il tredici per cento della popolazione è musulmana, secondo le stime del 2012) segnerebbe un passo ulteriore, prevedendo che nel giorno stabilito gli istituti rimangano chiusi.
La Gran Bretagna, già tempo fa, aveva respinto analoga richiesta di rivedere il calendario scolastico per “equilibrarlo” tra festività cristiane e musulmane, mentre in Germania ci si è limitati a trasmettere sulle frequenze della televisione pubblica e sul canale radiofonico Bayerischer Rudfunk le preghiere del culto islamico che segnavano l’inizio della festa di Eid al-Fitr e la fine del mese sacro di Ramadan. Accadeva il 17 luglio scorso.

In Olanda, la scelta dei dirigenti scolastici appare l’ultimo cedimento al multiculturalismo, che ha portato anche in Italia alcuni “preti di frontiera” friulani ad auspicare che accanto al crocifisso e al presepe le scuole diano spazio anche ai simboli delle altre confessioni religiose, contemplando anche la possibilità che tutti festeggino il Ramadan come si fa ora con il Natale. Il presidente del coordinamento dei consigli scolastici di Amsterdam, Herbert de Bruijne, ha detto che “in aggiunta alle tradizioni esistenti è bene essere aperti anche alle altre tradizioni”.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi