Business dell’accoglienza, arresti a Latina

Un insospettabile giro di guadagni illeciti con i fondi per l’accoglienza. È quanto scoperto dalla la polizia che ha arrestato sei persone responsabili di Onlus operanti nella gestione di diversi Centri di accoglienza straordinaria (Cas) in provincia di Latina. I reati ipotizzati nei confronti dei presunti responsabili sono, a vario titolo, falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture, maltrattamenti.
L’operazione è stata condotta dalla squadra mobile di Latina in collaborazione con il commissariato di Fondi. Nel corso dell’indagine sono stati effettuati diversi sopralluoghi all’interno dei centri, riscontrando gravi situazioni di sovraffollamento e carenze di natura igienico-sanitaria.
Nell’esame della documentazione depositata per la partecipazione ai bandi di gara indetti per l’accoglienza dei migranti inoltre sono emerse gravi e sistematiche violazioni nell’esecuzione di obblighi assunti dai gestori dei Cas che si sono aggiudicati la gara.
Dalle intercettazioni è infine emerso che una delle Onlus, di fatto, si spartiva la gestione dei richiedenti asilo con un’altra Onlus, senza alcuna comunicazione alla Prefettura di Latina.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi