“Indifesi dallo Stato”: la denuncia delle vittime del Bataclan

Le istituzioni non ci hanno difeso abbastanza. Con questa convinzione, diciassette persone colpite direttamente o indirettamente dagli attentati parigini del 13 novembre 2015 hanno sporto denuncia per «non assistenza a persone in pericolo» durante la presa d’ostaggi al Bataclan.
«Il tempo non attenua la loro sofferenza», dice l’avvocata Samia Maktouf, citata dal Figaro.fr. Due anni e mezzo dopo la strage, queste vittime o familiari delle vittime vogliono capire perché i militari dell’operazione antiterrorismo presenti davanti alla sala concerti non siano intervenuti all’interno mentre si consumava il massacro.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi