La Farnesina alza il mirino: “L’Italia non sia più il solo porto di sbarco”

Cambiare le regole perché l’Italia non sia l’unico porto d’approdo: il governo Conte fa sul serio e passa all’azione in campo europeo. Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, ha fatto pervenire stamani al Vice Presidente della Commissione e Alto Rappresentante, Federica Mogherini – conformemente a quanto anticipato ieri – una lettera in cui viene indicato che da parte italiana non vengono più ritenute applicabili, anche alla luce delle conclusioni del Consiglio Europeo del 28 giugno, le attuali disposizioni del “piano operativo” della missione Eunavformed Sophia, che individuano esclusivamente l’Italia come luogo di sbarco dei migranti che vengono soccorsi dalle proprie unità. Il Ministro Moavero ha conseguentemente dato istruzioni al Rappresentante italiano al Comitato Politico e di Sicurezza perché alla riunione di oggi sollevi la questione della necessità della modifica del “piano operativo” di Eunavformed Sophia per la parte relativa all’individuazione del porto di sbarco.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi