La solidarità del “condominio” UE: la Germania incassa 1,34 miliardi di € per interessi dalla Grecia

Come riporta Il Sole 24Ore, la Germania incassa 1,34 miliardi di euro di interessi dai prestiti concessi alla Grecia. In sostanza – afferma il giornale economico – “la banca di sviluppo tedesca Kfw (Kreditanstalt fur Wiederaufbau) ha incassato 393 milioni di euro sui prestiti di 15,2 miliardi alla Grecia nel 2010. Tra il 2010 e il 2012, il programma di riacquisto di titoli ellenici da parte delle banche centrali della zona euro ha fatto registrare alla Bundesbank profitti per 952 milioni di euro“.

Questa è la solidarietà del condominio UE, così è stato definito dal Commissario Moscovici, in suo recente tweet che ha scatenato non pochi commenti ilari e piccati da parte italiana:

Un condominio evidentemente dove alcuni condomini possono fare quello che vogliono, come sforare il deficit oltre il 3% (peraltro con Moscovici ministro dell’Economia) e non subire sanzioni dalla Commissione Europea:

Oppure dove c’è chi ne approfitta e nonostante le regole sul surplus commerciale, sfora il tetto raccomandato dalla UE, creando non poche tensioni con i paesi extraeuropei e in particolare gli USA, che in questo modo hanno imposto dazi alle importazioni dalla UE:

Questa è la solidarietà del condominio “Unione Europea”. Dove ognuno si fa gli affari propri, tranne l’Italia, che deve chinare il capo e obbedire ai diktat dell’eurocrazia, senza fiatare. Direi che è molto meglio vivere in una villetta singola, con giardino annesso. Non trovate?

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi