Patto Onu per le migrazioni, anche la Svizzera dice no. E l’Italia?

Si allunga la lista dei Paesi che dicono no al cosiddetto Global Compact for Migration. Ed è notizia di oggi che neanche la Svizzera firmerà il patto delle Nazioni Unite sulla migrazione. Lo ha deciso il Consiglio federale, spiegando in una nota che intende attendere il dibattito parlamentare su questo dossier, che si terrà nel corso dell’imminente sessione invernale delle Camere federali.

La Svizzera non parteciperà quindi alla conferenza internazionale che si terrà a Marrakech il 10 e 11 dicembre durante la quale il patto dovrà essere formalmente approvato, sottolinea un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

A livello globale, gli Stati Uniti si erano già dissociati dai piani Onu per le migrazioni. Nel frattempo hanno fatto altrettanto l’Ungheria, l’Austria, l’Australia e la Repubblica Ceca. Anche la Polonia potrebbe allungare la lista dei refrattari. Si attende in merito la decisione del governo italiano.

 

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi