Schiaffo educativo al figlio beccato a fumare, Papà denunciato dai carabinieri

Denunciato dai carabinieri perché ha ‘osato’ dare uno schiaffo al figlio dopo che quest’ultimo era stato sorpreso a fumare uno spinello.
È successo a Cattolica (Rimini) alcuni giorni fa quando l’uomo, un 40enne ristoratore del luogo, era stato convocato in caserma. Il figlio quindicenne era stato infatti beccato da una pattuglia del 112 mentre fumava uno spinello in un parco di Cattolica con alcuni amici.
Il minorenne era stato quindi portato in caserma per l’identificazione e l’eventuale segnalazione amministrativa; così il padre era stato avvisato.
Il 40enne, raggiunto il figlio, lo ha prima sgridato e poi lo ha colpito con uno schiaffo davanti ai militari che lo hanno denunciato per il reato di abuso di mezzi di correzione.
“Non sono mai stato un padre violento” ha detto il papà intervistato da il quotidiano ‘Il resto del Carlino’spiegando come il suo era “uno schiaffo educativo”. “Era solo per fargli capire che aveva commesso un errore” ha detto puntualizzando come lo ceffone non ha provocato nulla al ragazzo. “L’ho fatto per correggere mio figlio, per fargli capire che era sbagliato quello che aveva fatto. Certe bambinate si pagano poi tutta la vita” ribadisce, aggiungendo: “I miei figli sono la mia vita”.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi