Basilicata: Salvini segna il 7-0, Pd kappaò

Un altro tassello dell’Italia che cambia. Un altro schiaffo al centrosinistra, che di rosso ha ormai solo le guance. Un altro “attendere prego” che l’elettorato rivolge ai 5 stelle. Vito Bardi (Centrodestra) è il nuovo Presidente della Regione Basilicata: è stato eletto con 124.716 voti, pari al 42,2%. Lo scrutinio è terminato poco fa. Al secondo posto Carlo Trerotola (Centrosinistra; con 97.866 voti, pari al 33,11%), poi Antonio Mattia (M5S; con 60.070 voti pari al 20,32) e Valerio Tramutoli (Basilicata possibile; con 12.912 pari al 4,37%). Primo partito il M5S con il 20,27%, seguito da Lega (19,15%) e Forza Italia (9,15%). Per il Pd nella Regione dove ha governato per oltre 20 anni, per poi ridurre il logo sulla scheda elettorale, un fin troppo eloquente 8%, che fotografa bene il disastro.

In consiglio regionale la Lega sarà il primo partito, con sei seggi mentre il leader Matteo Salvini ricorda il novero delle elezioni regionali affrontate sin qui: «‪Grazie! ‪La Lega in un anno triplica i voti, vittoria anche in Basilicata! 7 a 0, saluti alla sinistra e ora si cambia l’Europa».

Intanto però la politica deve anche e soprattutto mettersi al lavoro per una realtà difficile, come quella del Sud Italia. Il neo governatore lucano Vito Bardi, ex generale della Guardia di Finanza, lo ha fatto comprendere fin dalle prime dichiarazioni post voto: «Abbiamo scritto la storia, la Basilicata è pronta per il cambiamento. Nella mia agenda al primo posto ci sarà il lavoro. I giovani devono restare e avere le loro opportunità. Con legalità e trasparenza».

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi