Con il Conte-bis ritornano gli sbarchi

Purtroppo ne eravamo certi: con il ritorno della sinistra al governo gli sbarchi degli immigrati clandestini sono tornati ad aumentare esponenzialmente. Dal primo all’11 settembre di quest’anno, secondo i dati del Viminale, si registra l’arrivo di 717 migranti, contro i 245 sbarcati nello stesso periodo del 2018 con Salvini Ministro dell’Interno. Si inverte un trend che per tutta la durata del primo Governo Conte aveva registrato una costante diminuzione di questi arrivi illegali.
Che cosa è successo? Molto semplice. L’uscita di scena di Matteo Salvini, prima ancora che vengano modificati i decreti sicurezza e le disposizione alle Forze di Polizia, ha generato un “effetto annuncio” che in breve tempo ha percorso le rive del Mediterraneo come un gigantesco “semaforo verde” all’immigrazione.

Quello che la sinistra, e purtroppo anche una parte del mondo cattolico, non vogliono capire è che i flussi migratori sono un fenomeno dinamico governato innanzitutto dalle speranze dei disperati che si ammassano sulle coste del Nord- Africa e dalle aspettative di profitto degli scafisti. Salvini, al di là dell’efficacia delle singole misure adottate, era riuscito a trasmettere in questi contesti un messaggio di porti chiusi, riducendo drasticamente le speranze di approdo dei migranti e di guadagno dei moderni “mercanti di schiavi”. E già solo questo era sufficiente a invertire il trend degli sbarchi.

Ora il messaggio è opposto: sono tornati i “buonisti”, quelli che hanno portato al record degli afflussi con Alfano Ministro degli interni. Non solo: questa tendenza crescerà esponenzialmente, man mano che il Governo Conte-bis sarà costretto dal PD a far sbarcare le navi delle Ong e ad accogliere i presunti profughi. Risultato: presto tornerà l’emergenza, come prima peggio di prima. Grazie Presidente Conte.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi