Europee 2019: perché il voto ai sovranisti

Il metodo sistematico della sinistra, ad ogni elezione, è quello di gettare fango all’avversario, oggi si utilizzano video che hanno l’effetto virale ed emotivo, tanto da renderlo così attraente che il fruitore senta il desiderio di inviarlo al maggior numero possibile di persone.

In questi giorni abbiamo visto tante manifestazioni sul clima, come a Bologna dove emergevano striscioni contro Salvini, con frasi demenziali: + pinguini, – Salvini;
senza considerare che il video sul Global strike for future, promosso dalla quindicenne svedese Greta Thumberg, è ritmato dalla canzone “Bella ciao”, che non tratta di tematiche ambientali, ma è strumentale per il riferimento ai partigiani comunisti.

Tra l’altro sembra stia per pubblicarsi il libro di Greta Thunberg: ‘La nostra casa è in fiamme’, racconta la storia di Greta, la ragazza che vuole salvare il mondo, ma il libro è scritto dalla mamma, che ha sfruttato l’immagine di una ragazzina (la nuova Giovanna ‘Arco?), e venderà tanti libri e farà tanti soldi.

La battaglia sull’ecologia è di tutti, e certamente l’argomento deve indurre a serie riflessioni… ma non è un fenomeno spontaneo ed altruistico di una ragazzina, ma una manovra di marketing, come dichiara Andreas Henriksson, noto giornalista d’inchiesta svedese.

Infatti, secondo la sua ricostruzione, lo sciopero scolastico della ragazza e le manifestazioni avanti il parlamento svedese, erano parte di una strategia pubblicitaria per lanciare il nuovo libro della madre di Greta, la celebre cantante Malena Ernman, ed lo stratega di questa campagna sarebbe Ingmar Rentzhog, esperto di marketing e pubblicità, che ha sfruttato a sua volta l’immagine della ragazza per lanciare la sua start up.

Pietro Grasso, il leader di Leu ed ex presidente del Senato ha pubblicato sulla sua pagina Facebook uno spot in cui mostra un finto servizio giornalistico in cui si annuncia la liberazione di 177 studenti dell liceo Ubaldo Diciotti. “Immaginate se un ministro dell’Interno trattenesse in una scuola 177 ragazzi e ragazze per costringere le associazioni studentesche a interrompere delle pacifiche proteste contro una riforma dell’Istruzione”.
Lancia, quindi, uno spot per spingere i parlamentari a mandare il ministro alla sbarra per il caso Diciotti, auspicando, più che presupponendo un sequestro di studenti?”

Ed ancora Gino Strada attacca ancora il governo – e in particolare Matteo Salvini – per la linea tenuta contro l’immigrazione clandestina.
“Siamo governati da persone che non hanno nessuna considerazione per la vita umana, quella altrui, ovviamente.
Persone che dovrebbero essere portate davanti alla corte internazionale dell’Aia per crimini contro l’umanità. Persone che continuano a dire bugie approfittando della loro occupazione dei media”.

Concludo, per non tediare il lettore di un ulteriore elenco di altri insulti e continui ritorni alla demagogia, riportando sempre indietro l’orologio temporale di 70 circa, tenendo ancorato il libero pensiero dalla dittatura della falsa morale.

IN EUROPA VOTERO’

PER CHI CREDE NELLA SOVRANITA’ DELLE NAZIONI
PER CHI SI BATTERA’ PER GLI INTERESSI DEI POPOLI, DELL’ECONOMIA E DEI PRODOTTI NAZIONALI,
RIFIUTERO’

CHI TENTA DI DISTRUGGERE LA NOSTRA LIBERTA’ CON L’INGRESSO DI NUOVI SCHIAVI, DI MERCI CONTRAFFATTE, E COMUNQUE AL DI FUORI DEL SISTEMA DI CONTROLLO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO, E DEI COSTI DEL LAVORO, CON INCIDENZA SUL PREZZO DEL PRODOTTO FINALE;
ACCORDI CON LA CINA LA CUI IMPRENDITORIA NON E’ PRIVATA MA SCHIAVA DI UN SISTEMA CHE SI CHIAMA COMUNISMO.
IL MIO VOTO LIBERO E’ CON I SOVRANISTI.

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi