Finalmente una lapide per i Fratelli Mattei

Finalmente le istituzioni capitoline hanno deciso di scoprire una lapide a Primavalle in ricordo dei Fratelli Mattei. L’iniziativa dei consiglieri municipali di Fdi, guidati da Stefano Oddo, è stata recepita dal Consiglio del XIV Municipio a maggioranza 5 Stelle. Anche la Regione Lazio, guidata da Nicola Zingaretti, ha mandato alla cerimonia un proprio rappresentante nella figura dell’Assessore Valeriani. Assente il Comune di Roma. La mattina del 5 dicembre, proprio sulla palazzina che fu il teatro dell’incendio appiccato da estremisti di sinistra, i rappresentati del Municipi e della Regione, insieme ad Antonella Mattei, hanno scoperto la lapide dove Stefano e Virgilio Mattei vengono definiti “vittime della violenza politica”

“E’ un segnale tanto importante quanto paradossale che oggi finalmente le istituzioni capitoline si siano decise a scoprire una lapide per ricordare l’eccidio dei Fratelli Mattei.” Ha dichiarato l’ex-Sindaco Gianni Alemanno. “È paradossale che sia stato il Municipio e non il Comune a compiere il gesto e che ciò sia avvenuto a 46 anni da quello che è stato il più grave atto di violenza politica avvenuto nella Capitale. Il merito va ad Antonella Mattei che ha fatto sentire con chiarezza – come mai prima era avvenuto – la voce della famiglia e dei consiglieri di Fdi, tra cui Stefano Oddo, che hanno ottenuto il consenso del XIV Municipio. Tutto questo non rende giustizia a Stefano e Virgilio, ma almeno ricorda a tutti i romani a che punto giunse l’odio e la violenza politica negli anni di piombo.”

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi