Il Movimento Nazionale per la Sovranità confluisce in Fratelli d’Italia

Con l’Assemblea di sabato 7 dicembre la comunità umana e politica che si è ritrovata attorno al Movimento Nazionale per la Sovranità, ha compiuto una scelta fondamentale, quelle di aderire a Fratelli d’Italia. Siamo passati dal patto federativo siglato con il partito di  Giorgia Meloni nel giugno scorso – dopo le candidature di nostri dirigenti nelle liste di Fdi alle elezioni europee – alla vera e propria confluenza.

Si compie così un percorso cominciato il 18 e 19 febbraio 2017 con il Congresso di fondazione al Marriot di Roma. Proprio in quella occasione i “soci fondatori” del MNS si posero due obiettivi: quello di creare una casa comune per tutto il mondo della destra e quello di lanciare un soggetto politico autenticamente “sovranista”. Con queste due idee in testa abbiamo lavorato intensamente per quasi tre anni, organizzando due grandi cortei nazionali per rivendicare la nostra sovranità nazionale e popolare, presentando liste civiche o con il simbolo del MNS in elezioni comunali e regionali, organizzando centinaia di manifestazioni locali, flash mob, banchetti e raccolte di firme, prendendo iniziative importanti come l’esposto-denuncia contro il PM Luigi Patronaggio che aveva tentato di incriminare il Ministro Salvini per le sue iniziative contro l’invasione migratoria.

Nel frattempo però il quadro politico del centrodestra si è profondamente modificato. La Lega di Salvini si è dimostrata poco interessata a costruire un ampio e articolato partito sovranista, mentre Giorgia Meloni ad Atreju 2018 ha aperto Fratelli d’Italia a tutto il mondo della destra lanciando un grande appello ai “sovranisti “ e ai “conservatori” per unirsi in una battaglia comune a difesa del nostro interesse nazionale. Questo appello non poteva non essere da noi raccolto, perché andava esattamente nel senso di quelli che erano i nostri scopi fondativi.

La classe dirigente di Fratelli d’Italia al merito storico di essere usciti per primi dal Popolo della Libertà per ricostruire un partito di destra nazionale, aggiungeva finalmente la determinazione di portare fino in fondo quella scelta, raccogliendo tutte le forze disperse della destra italiana, senza pregiudizi e discriminazioni aprioristiche. Ma con un orientamento politico molto chiaro, quello sovranista.

E infatti anche il consenso ha cominciato a premiare il partito di Giorgia Meloni: gli ultimi sondaggi parlano di un partito che supera l’11% e che ormai appare destinato a riprendersi tutti i voti un tempo di Alleanza Nazionale. Questo non è un punto di arrivo, può diventare una base di partenza: se Fdi non fletterà da questi obiettivi e saprà darsi una forma organizzativa ampia e articolata, non è impossibile riuscire a misurarsi da pari a pari con la Lega salviniana.

È un sogno che può diventare realtà: un grande Polo Sovranista in cui la Lega sia ampiamente bilanciata da un partito di destra sovranista, interprete dell’unità nazionale e degli interessi sociali del popolo italiano. Uno schieramento che – insieme ad altri alleati – può vincere le prossime elezioni politiche senza fare compromessi sulla pelle degli italiani.

Potevamo chiamarci fuori da tutto questo? Noi non abbiamo mai fatto politica in nome di apparati organizzativi, i partiti e i movimenti sono per noi degli strumenti non dei fini. Il fine è quello di salvare il nostro popolo e la Patria italiana. Quindi daremo il nostro contributo a questa battaglia senza creare appesantimenti correntizi, ma producendo idee e politica sul territorio. L’uscita del libro “Sovranismo. Le radici e il progetto” è la dimostrazione che il nostro mondo ha molte cose da dire, senza il bisogno di chiudersi in logiche settarie e personalistiche.

C’è un motto dei rugbisti che piace molto a Giorgia Meloni: “ci vediamo nella mischia”. Lo facciamo nostro in questa nuova sfida, una storia che si rinnova sotto il simbolo dei nostri padri, quello della Fiamma Tricolore.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi