10 febbraio, rosso come la vergogna

10 febbraio. Una fredda e cupa giornata del 1947 decretò la “finis Histriae” come scrisse allora il “Grido”, il foglio clandestino che alimentava la resistenza agli invasori yugoslavi.
Il diktat di pace ci strappò Pola, Fiume, Zara, Cherso e Lussino, e confinò Trieste in un assurdo “territorio libero” amministrato dagli angloamericani. Ci vollero la rivolta ed il sacrificio dei ragazzi di Trieste del novembre 1953 perché la città tornasse all’Italia un anno dopo, a nove anni dalla fine della guerra…

Il 10 febbraio ’47 ha segnato dunque un grande lutto nazionale, una cesura della nostra storia ed una violenza alla nostra geografia; è soprattutto nella memoria dei giuliano dalmati la data simbolica della tragedia dei 20.000 infoibati, annegati, massacrati e mai ritornati, prodromica a quella del grande esodo di 350.000 italiani.
Ormai non c’è quasi più nessuno tra quelli che subirono, 75 anni or sono, la violenza cieca delle foibe, col loro carico di morti senza croce; e pochi ormai sono anche quelli che negli anni seguenti dettero vita a quel grande esodo che fu un plebiscito dì italianità e libertà.

Esuli che si sparsero in 117 campi profughi in Italia, da Trieste a Termini Imerese, da Altamura a Laterina, e finirono poi magari nelle lontane Americhe o nella ancor più lontana Australia.
Oggi tocca ai loro figli, e io sono uno di questi, conservare quel che loro è stato donato, ridare agli italiani, tutti gli italiani, la memoria di quella tragedia incompresa, ricucire i fili strappati della storia.
Oltre l’Adriatico restano le pietre, le arene ed i leoni di San Marco a testimoniare la nostra italianità antica: 700 anni fa Dante cantava nell’Inferno “sì come a Pola, presso del Carnaro ch’Italia chiude e i suoi termini bagna”…

Convenienze politiche di ordine interno e internazionale indussero a cancellare dalla coscienza e dalla conoscenza degli italiani questa grande tragedia nazionale, che non poteva restare una sorta di memoria privata confinata lassù alla frontiera orientale e nelle nostre famiglie. Oggi, ed il Giorno del Ricordo ne è la testimonianza, l’Italia si riconcilia e riconosce nella sua compiutezza il valore della grande prova che i giuliani dalmati seppero offrire. E’ la vittoria della civiltà, della pietà e della verità. Anche se qualcuno, sbandato dalla storia si ostina ancora a giustificare o negare. Rosso come la vergogna che non conosce.

di Roberto Menia

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi