Al Parlamento europeo PD e M5S si dividono sul MES. E Lega e Forza Italia votano contro gli Eurobond

Mentre il Parlamento italiano non potrà esprimersi – per decisione del maggioranza di governo – sulle misure per superare l’emergenza Coronavirus, il Parlamento europeo sta per votare una risoluzione su questo tema in vista del Consiglio europeo del 23 aprile.

Ma già nel momento di votare sugli emendamenti sulle singole misure anti-crisi sono avvenuti fatti politici gravi.

Innanzitutto PD e M5S hanno confermato in maniera ufficiale la loro divisione sull’attivazione del MES: il PD ha votato a favore (indebolendo ogni residua posizione negoziale di Conte al Consiglio europeo), mentre i Grillini hanno puntato i piedi votando ancora una volta contro (e allora non si capisce perché non hanno voluto fare altrettanto nel Parlamento italiano).

Ma la cosa più sconcertante è che Lega e Forza Italia hanno votato contro l’emendamento dei Verdi per la condivisione del debito tra i Paesi Ue. Pd, M5s e Fratelli d’Italia hanno invece votato a favore. Nel testo dell’emendamento – respinto ieri con 326 voti contrari, 282 sì e 74 astensioni – si legge che l’Europarlamento “considera essenziale, al fine di preservare la coesione dell’Ue e l’integrità dell’Unione monetaria, che una quota sostanziale di debito emessa per contrastare le conseguenze del Covid-19 sia mutualizzata a livello Ue”.

Perché Lega e Forza Italia hanno votato contro quest’emendamento propedeutico all’introduzione dei Coronabond (cioè gli Eurobond finalizzati all’emergenza)? Non è dato capirlo, visto che in Italia si sono sempre espressi a favore.

Un dato comunque è certo: l’Italia va più divisa che mai alla trattativa decisiva del Consiglio europeo del 23 aprile. Divisa nella maggioranza di Governo e divisa trasversalmente sui grandi temi. Ancor meno credibilità per il debolissimo Giuseppe Conte nell’affrontare la trattativa..

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi