Claudio Colosio, condannato per l’omicidio Ramelli, si è dimesso dal comitato per l’emergenza della Lombardia

È durato sette giorni l’incarico del Prof. Caludio Colosio, nominato il 10 aprile dall’Assessore alla Sanità  di Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel Comitato Tecnico Scientifico per fronteggiare l’emergenza.

Oggi, su pressante invito degli esponenti locali di Fratelli d’Italia e di Viviana Beccalossi, ha preferito dimettersi per levare dall’imbarazzo l’ignaro Assessore Gallera, che non sapeva, al momento dell’incarico, di stare nominando uno dei condannati per l’omicidio di Sergio Ramelli.

Nei giorni scorsi la notizia si era diffusa sui social e i siti online, come una scossa che toccava uno dei nervi scoperti del mondo della destra. L’omicidio di Sergio Ramelli è una delle storie più infami degli anni di piombo, la dimostrazione che in quel periodo era vero lo slogan “uccidere un fascista non è reato”.

Quando il 29 aprile tanti ragazzi e tanti ex-giovani militanti – per la prima volta dopo tanti anni, a causa dell’emergenza – non potranno andare alla cerimonia per l’anniversario della morte di Sergio, almeno non avranno nel cuore quest’ulteriore insopportabile rabbia.

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi