Fratelli d’Italia si schiera a difesa del Sud

Un’interrogazione al Governo per far chiarezza sull’esistenza di un documento denominato “L’Italia e la risposta al Covid-19” elaborato dal Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei ministri che proporrebbe l’eliminazione dell’obbligo di spendere il 34% delle risorse statali per gli investimenti nel Mezzogiorno nonché la modifica dell’obbligo di spendere l’80% dei fondi strutturali nei territori meridionali è stata presentata dai deputati Marcello Gemmato, Edmondo Cirielli, Wanda Ferro, Carolina Varchi (appena nominata responsabile del Dipartimento Politiche per il Mezzogiorno di Fdi) , Elia Bucalo, Salvatore Deidda, Ylenia Lucarelli, Salvatore Caiata e Davide Galandino di Fratelli d’Italia.

Nei giorni scorsi, infatti, proprio il Ministro Provenzano si era dichiarato stupido dall’esistenza di questo documento e denunciava il pericolo dello spostamento di risorse destinate al Mezzogiorno verso scopi diversi da quelli verso cui erano state assegnate con un ulteriore depauperamento dell’investimento statale nel Sud.

È necessario ricordare che la cosiddetta “quota 34”, finora astrattamente annunciata ma mai effettivamente applicata, serve per obbligare lo Stato ad un equo investimento pro-capite in tutte le aree del paese, considerato che fino ad oggi esiste un evidente disparità di risorse pubbliche investite a tutto svantaggio del Mezzogiorno, così come i fondi strutturali dovrebbero essere risorse aggiuntive finalizzate proprio per recuperare la differenza economica tra il Mezzogiorno e le altre zone d’Italia.

Con questa interrogazione urgente Fratelli d’Italia, tramite i suoi deputati meridionali, si schiera in difesa del Sud che non può subire un ulteriore depauperamento di investimenti che determinerebbe la definitiva desertificazione economica delle regioni meridionali con un grave danno per l’Italia intera.

Sarà ora compito del Governo dare risposte chiare ai cittadini meridionali per evitare che le loro risorse fungano da bancomat per risolvere l’incapacità di creare una vera politica nazionale per lo sviluppo. Intanto la notizia è che Fratelli d’Italia si è schierata in modo chiaro nella battaglia meridionalista al servizio della vera unità nazionale.

Nella foto Carolina Varchi, nuovo responsabile del Dipartimento Politiche per il Mezzogiorno di Fratelli d’Italia

Pubblicità

 

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi