Inadeguato: tutti (tranne il M5S) al Senato si defilano da Conte. Arriva Draghi?

Il più esplicito, opposizione a parte, è stato come al solito Renzi, che ha parlato addirittura di una Commissione d’inchiesta da fare, ad emergenza  finita, per accertare le responsabilità nella diffusione del Coronavirus.

Ma durante il dibattito al Senato sulle comunicazioni di Conte nessuno è andato oltre una difesa d’ufficio dell’operato del Governo. La parola che riecheggiava di più nell’aula di Palazzo Madama era l’aggettivo “inadeguato” più o meno incartato in  frasi di circostanza. Anche il piddino Marcucci lo ha detto: “forse saremo stati inadeguati, ma questa è stata un’emergenza mai prima vista…”. Discorsi simili anche dalla sinistra con Loredana De Petris, mentre Pierferdinando Casini si è più di ogni altro esposto sulla richiesta di coinvolgimento dell’opposizione nelle scelte di Governo. E poi battute appena dissimulate sul diluvio di decreti  e sull’esposizione mediatica del Premier…

Sarà perché il fantasma di Mario Draghi comincia ad aleggiare nel Palazzo, ma solo il rappresentante dei 5 Stelle (il solito sconosciuto ragazzotto) si è schierato veramente a difesa della gestione di Conte dell’emergenza.

Fin qui le forze di maggioranza, per il resto l’opposizione ha fatto la sua parte, con in più una frase di Salvini di forte apprezzamento per l’intervista di Draghi sul Financial Times. Insomma, se si dovesse giudicare da questo dibattito, l’impressione sarebbe che il tempo di Giuseppe Conte stia per finire. Per lasciare spazio a cosa è tutto da vedere, ma certamente non avremo nostalgia della brillantina e delle pochette di questo improbabile parvenu.

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi