Mascherine Tricolori IV Atto: la repressione è vinta, adesso la protesta può dilagare

Mascherine Tricolori IV atto: in tutta Italia, per il quarto sabato consecutivo, militanti e lavoratori di ogni categoria sono scesi in piazza per protestare contro “l’immobilismo di potere” del Governo Conte. E stavolta il Governo non ha avuto alibi per mandare le forze dell’ordine contro le persone che hanno manifestato a piazza del Popolo nel pieno rispetto delle misure di distanziamento sociale e delle regole di questa tormentata fase.

“C’è un popolo che reclama libertà. Diritti. Futuro. E scende in piazza contro un governo che nega tutto questo.” Si legge nel proclama letto – come di consueto – in tutte le piazze italiane dai portavoce delle mascherine.

“La fierezza di esserci in maniera assolutamente pacifica. La dignità di combattere una battaglia che è di giustizia per tutti e di solidarietà con chi non ce a fa più a campare civilmente.

Gente ingannata dai seicento euro promessi, un’elemosina di Stato. Popolo preso in giro con la cassa integrazione. E sfottuto dalle banche che col governo avevano illuso sulla possibilità di ottenere prestiti. Ma non è cambiato nulla. Ecco perché è importante manifestare per dire basta ad un vero e proprio regime insensibile al disagio popolare.

E’ una protesta che riguarda tutti i livelli istituzionali. Le mascherine tricolori hanno manifestato in tutta Italia, ma è evidente che il raduno di Roma è stato davvero significato. Qui, alle angherie di governo, si uniscono le gravissime deficienze amministrative del Campidoglio e della regione Lazio, inerti sulla grave crisi sociale, capaci solo di raccontare con slogan il deserto delle loro idee per risolvere un dramma di tutti.

Il solo destinare buoni spesa ai Rom ha fatto indemoniare la città, perché si è approfittato del lockdown per continuare a discriminare chi ha pagato le tasse fino a quando ha potuto. E il tricolore serve a ricordare i sacrifici degli italiani.”

Possiamo dire che se oggi in Italia è possibile protestare in piazza il merito principale è di coloro che hanno utilizzato questa forma libera e aperta per rompere la paura e l’isolamento. Adesso speriamo che – salvo ripensamenti dell’ultima ora – anche i leader dei partiti sovranisti raccolgano questo testimone con una grande manifestazione nazionale.

video mascherine roma

Pubblicità

 

Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi