Mes vs Eurobond: all’Eurogruppo si sta giocando il destino dell’Europa

Dalle ore 15 è in corso la riunione dell’Eurogruppo in cui si comincerà, forse, a capire se questa Europa ha un futuro oppure no.  L’Eurogruppo – che riunisce i ministri dell’Economia dell’area euro  e che ha una funzione preparatoria in vista del Consiglio europeo che si terrà dopo Pasqua – dovrà definire in che modo concreto si tradurrà la “solidarietà europea” di fronte alla crisi economica del Covid-19.

Per gli stati del Nord, guidati dalla Germania, solidarietà significa aprire (un poco) le porte del MES, il fondo salva-stati. Per i paesi del Sud, capitanati dall’Italia e dalla Spagna,  significa rendere comuni i sacrifici, tramite gli Eurobond o altre misure consimili.

Conte e Gualtieri, sotto la spinta delle opposizioni e del Movimento 5 Stelle, si sono impegnati a non accettare al proposta dell’utilizzo del MES, a prescindere dalle promesse di attenuamento della sua condizionalità. Ma il Commissario italiano Gentiloni è stato invece possibilista. Già questo dimostra con che forza negoziale l’Italia si sta sedendo al tavolo.

Intanto l’ineffabile Ursula von del Leyen pensa all’approvazione del bilancio europeo, quello da cui deriva il suo budget personale, vacuamente presentato come possibile strumento di solidarietà.

Chi riuscirà a far cambiare idea ad Angela Merkel? Attendiamo, con ansia, i risultati di questo vertice.

Pubblicità
Pubblicità

Qelsi Quotidiano

Giornale Online registrato presso il Tribunale di Roma al n. 178/2013 del 10 luglio.
Direttore Editoriale: Silvia Cirocchi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per maggiori info, leggi la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy.

Chiudi